Verdini e le strane amnesie della Sinistra Pd

Pd
Roberto Speranza (s) e Pier Luigi Bersani, durante la convention organizzata dalla Sinistra Dem al Teatro Vittoria di Roma, 12 dicembre 2015. ANSA/GIORGIO ONORATI

Sembra che a Bersani e Speranza dispiaccia il crollo di Berlusconi. Non volevano smacchiare il giaguaro?

Un errore che non andrebbe mai commesso, usavano dire i dirigenti del vecchio Pci, è quello di credere alla propria propaganda. La propaganda è necessaria, naturalmente quando sa essere efficace: ma anche in questo caso va tenuta ben separata dalla realtà, da una sua analisi severa, dal contesto politico in cui ci si trova ad agire, e dalla verità dei fatti. Altrimenti, oltre al rischio di coprirsi di ridicolo, si corre quello ben più grave di risultare politicamente ininfluenti. Un conto infatti è gridare «al lupo! al lupo!», e un altro conto è salvare le pecore.

Parliamo per esempio della nevrosi compulsiva che prende alcuni spezzoni della minoranza del Pd – segnatamente quello che fa capo all’ex segretario Bersani – ogniqualvolta il nome di Denis Verdini sale all’onore delle cronache. Dell’intero universo politico-parlamentare, peraltro assai variegato e frammentato, soltanto Verdini riesce a suscitare tanta attenzione, tanto interessato riguardo e tanto scandalo.

Così è stato giovedì, quando il leader di Ala è stato condannato in primo grado a due anni per concorso in corruzione, come se quella condanna (non definitiva) coinvolgesse anche il governo e il presidente del Consiglio; ma così è stato persino quando Verdini e i suoi hanno votato a favore della fiducia tecnica sul maxiemendamento che ha consentito l’approvazione della legge sulle unioni civili: anziché ringraziarlo per aver aiutato il Paese a riallinearsi, seppur in estremo ritardo, agli altri Paesi occidentali, i succitati spezzoni della minoranza del Pd hanno fatto il diavolo a quattro.

Il fatto è che Verdini non ha cominciato a fare politica il 23 luglio 2015, quando dopo un pranzo con Berlusconi annunciò che avrebbe lasciato Forza Italia. No, la sua carriera è un pochino più lunga e il suo ruolo è stato più volte decisivo. Per esempio quando, all’indomani delle elezioni “non vinte” del 2013, Bersani propose a Berlusconi un accordo per eleggere Marini al Quirinale; o quando, malamente naufragate in aula tutte le candidature fino ad allora avanzate, s’accordò sempre con Berlusconi per implorare Napolitano di accettare la rielezione; o infine quando trattò, naturalmente con Berlusconi, la struttura e il programma del governo di unità nazionale guidato dal suo vicesegretario Enrico Letta.

In tutte queste occasioni – quando cioè si doveva trovare un accordo non su una legge importante ma isolata come le unioni civili, bensì sulla più alta carica dello Stato e sul governo del Paese – al fianco di Berlusconi c’era il suo braccio destro Verdini: eppure né l’allora segretario del Pd, né il giovane capogruppo Speranza ebbero nulla da ridire. Al contrario, valorizzarono giustamente lo spirito di collaborazione, il superamento delle antiche divisioni, il comune senso di responsabilità e via enfatizzando.

Poi, quel 23 luglio dell’anno scorso, Verdini lasciò Berlusconi. I motivi sono noti: non condivideva la rottura dell’accordo sulle riforme costituzionali consumatasi con l’elezione di Mattarella al Quirinale. E da quel giorno, magicamente, Verdini è diventato Barbablù.

Eppure, se gli spezzoni della minoranza del Pd che s’indignano per Verdini dopo averci fatto insieme un presidente della Repubblica e un governo riflettessero in termini politici e per una volta non si lasciassero prendere dal rancore della sconfitta, dovrebbero invece gioire. Non volevano forse «smacchiare il giaguaro»?

Da quando di Berlusconi si occupa Renzi, il povero Cavaliere ha perso metà dei suoi parlamentari, nei sondaggi sta sotto alla Lega e il suo intero gruppo dirigente – da Alfano, segretario del partito, a Bondi, coordinatore dell’ufficio di presidenza – l’ha abbandonanto. E sarebbe ben curioso se a dolersene, oltre a Berlusconi, ci fossero anche Bersani e Speranza.

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vedi anche

Altri articoli