Unità.tv, come una Sezione che non chiude mai

#BentornataUnità
bandiere-pd

Il palinsesto che vorrei, dal cineforum al “Grande compagno”. Riguarderemo i vecchi discorsi di D’Alema e piangeremo. E faremo corsi di Playstation a Renzi per battere Orfini

Care compagne e cari compagni, com’ebbi ad ammonire, tramite le parole del poeta, per un memorabile congresso del Pds, al cui pensier ancora mi commuovo, “il futuro entra in noi molto prima che accada”. Il problema è che quel futuro si chiama Matteo Renzi. Ma ora non divaghiamo, bevo una vodka per dimenticare e andiamo avanti.

Non avevo ancora ben metabolizzato l’avvento del tv color, che eccoci proiettati in una nuova epoca tecnologica: l’era di Internet. Stavolta non voglio rimanere indietro: ho un velocissimo wi-fi che si chiama “connessione sentimentale col popolo”, mi sono iscritto a tutti i social network, ho proposto in parlamento che Twitter estenda il proprio limite di spazio da 140 caratteri a 140 cartelle, che Instagram introduca il filtro color grigio funzionario di partito, che Facebook si rinomini “Libretto Rosso delle Facce”.

Saluto quindi col mio proverbiale entusiasmo mitteleuropeo che il quotidiano che fu di Antonio Gramsci si presenti di nuovo oggi a voi, compagni, anche in una veste multimediale. Quando penso alla nuovissima Unità.tv, mi fingo in cuor mio quest’immagine: che ogni casa dove abita un compagno diventi come una Sezione in cui tutte le sere si fa il cineforum, si fanno i dibattiti, si tira tardi, si detta la linea, il mondo non obbedisce ma a noi non importa.

Voglio essere per voi, compagni, il Modem della Rivoluzione.

Se avrete l’accortezza di sedervi, pur nell’agio della vostra casa, su una sedia scomoda e polverosa, vedrete che non ci sarà differenza con l’essere in Sezione. Ecco cos’è Internet, e cosa sarà Unità.tv: una Sezione che non chiude mai, e dove ci sono sempre tanti compagni e compagne. Il Paradiso.

Manderemo in onda un reality show dal Nazareno: lo chiameremo “Grande Compagno”. In pratica, sarà lo streaming della direzione del Pd. Riguarderemo insieme vecchi discorsi di D’Alema e piangeremo. Faremo dei corsi di Playstation a Matteo Renzi perché perdere contro Orfini non si può.

Benvenuta Unità.tv!

Vedi anche

Altri articoli