Un Sì per entrare nel futuro

Referendum
13641195_1241542845858216_1669688437435391893_o

Perché il 4 dicembre abbiamo un’occasione storica

FutureDem è un’associazione politico-culturale nata nel 2013 che raccoglie l’energia di centinaia di ragazzi da tutta Italia (e non solo), che vogliono prepararsi nel modo migliore per cambiare il mondo a cominciare dalle proprie realtà.

Crediamo fermamente che la vocazione alla politica e all’impegno verso una comunità debba porre al centro la formazione di una classe dirigente competente: noi proviamo a dare il nostro contributo con occasioni di confronto, momenti di approfondimento, materiale di studio. Ed è con questo spirito che ci siamo approcciati alla riforma della Costituzione per arrivare a un giudizio sul merito.

Il 4 dicembre abbiamo, infatti, un’occasione storica per aggiornare l’architettura istituzionale del nostro Paese, superando difficoltà e lentezze che la affliggono da decenni. Come cittadini italiani non siamo chiamati a giudicare l’operato di Matteo Renzi e del suo governo, ma unicamente a esprimerci sul testo di una riforma costituzionale che aspettiamo da troppo tempo.

Abbiamo seguito con costanza il percorso parlamentare e approfondito i contenuti della riforma, che consentirà all’Italia di essere più competitiva e più credibile.

Superare il bicameralismo paritario significa avere una sola camera che dà l’indirizzo politico e la fiducia al governo, significa avere governi più stabili e quindi capaci di affrontare i problemi con lungimiranza, significa trasformare il ruolo del senato in camera delle autonomie territoriali, significa responsabilizzare e togliere alibi alla classe politica.

Il nostro Paese ha un enorme bisogno di ridurre le troppe diseguaglianze presenti e il nuovo Titolo V mira a diminuire le differenze tra Regioni su temi importanti come la sanità, l’energia, le infrastrutture, le politiche attive del lavoro.

Noi diciamo Sì a un Paese che scommette sull’importanza degli strumenti di democrazia diretta, introducendo il referendum propositivo e di indirizzo e stabilendo l’obbligo di discussione in Parlamento delle proposte di legge di iniziativa popolare che raggiungono il numero di firme necessario.

Siamo profondamente convinti che questa riforma così attesa potrà migliorare davvero le istituzioni, la quotidianità dei cittadini e la vita democratica del Paese ed è per questo che domenica 4 dicembre ci recheremo alle urne e voteremo con convinzione SÌ, certi che i cittadini italiani sapranno comprendere fino in fondo l’importanza di un voto epocale che può portare il nostro Paese – finalmente – nel futuro.

Vedi anche

Altri articoli