Tre giorni a Perugia per cambiare la politica, a partire dal Pd

Pd
Il capogruppo Pd alla Camera, Roberto Speranza, durante la convention della minoranza del Partito Democratico, "A sinistra nel Pd, per la democrazia e il lavoro: l'Italia può farcela". Roma, 21 marzo 2015. ANSA/ ANGELO CARCONI

Sinistra riformista organizza una convention per l’11-12-13 marzo. Ecco la lettera inviata dal leader della minoranza agli iscritti dem

La ricchezza nel mondo è aumentata vertiginosamente negli ultimi decenni, ma non ha portato con sé una riduzione delle diseguaglianze. Anzi, le diseguaglianze continuano a crescere. Le persone si sentono più sole e più insicure. Ed è proprio la paura che porta tanti a rifugiarsi nei populismi. Questo vento soffia forte in Europa. Da noi, che usciamo dalla crisi lentamente e con un Paese molto diviso, ha il volto rabbioso di Matteo Salvini e Beppe Grillo o quello consumato di Silvio Berlusconi.

Non si può restare indifferenti. La realtà in cui viviamo non è più quella in cui siamo cresciuti.

I cambiamenti climatici, il ritorno dei fondamentalismi religiosi, i crescenti fenomeni migratori, la quarta rivoluzione industriale richiedono una politica all’altezza delle nuove sfide.

Eppure la politica nel suo complesso appare debole e litigiosa. La crisi dell’Europa ne è il simbolo più drammatico. Manca una visione capace di mobilitare le coscienze. Anche in Italia la propaganda troppo spesso sembra prevalere sulle idee e sui progetti di cui un grande Paese ha bisogno.

Il Partito democratico ha la responsabilità più grande, sia come forza di governo, sia come partito perno del cambiamento. Abbiamo suscitato tante speranze, ma rischiamo di produrre altrettante disillusioni. Serve un cambiamento profondo. Servono nuove idee. Non bolle di sapone, belle da vedere, ma che scoppiano in un attimo e lasciano sul terreno solo gocce.

Con questo orizzonte negli occhi, ci incontreremo a Perugia nel week end 11/12/13 marzo per tre giorni di confronto intenso e di riflessione politica. Aperti a chi vuole farsi carico del nostro futuro. A chi crede nella politica, ma vuole cambiarla perché troppe cose non vanno.

Vogliamo proporre un nuovo punto di vista, superando le vecchie liturgie, ma anche le più recenti illusioni nuoviste. La nostra sfida è ripensare il campo democratico, ancorando il Pd al centrosinistra e superando ogni tentazione trasformista. Vogliamo un partito che sia strumento di progresso e innovazione e non di occupazione del potere, che promuova miglioramenti concreti per la vita dei cittadini, che sappia valorizzare i mille protagonismi della società italiana e proporsi come sintesi politica delle tante energie civiche presenti.

La prima cosa da fare è ricostruire un pensiero e rigenerare una visione capace di interpretare il tempo in cui viviamo. Gesualdo Bufalino scriveva “Il sonno è di destra. Il sogno è di sinistra”. È proprio così. Un nuovo tempo, anche per il Pd, sta arrivando. Prepariamoci a viverlo con entusiasmo e ambizione.

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vedi anche

Altri articoli