Sindrome cinese sulle Borse

Dal giornale
epa05087375 Chinese investors look at a screen showing stock movements at a stock brokerage house in Beijing, China, 04 January 2016. Shares plunged across Asia and trading was halted on the Chinese markets 04 January on a miserable start to 2016 for investors in the region. Trading on China's main bourses, the Shanghai and Shenzhen stock exchanges, halted for the day as a benchmark index fell over 7 per cent off the back of weak Chinese manufacturing data.  EPA/HOW HWEE YOUNG

Bisogna capire quali sono i venti negativi che spirano sulla Città proibita e conseguentemente, su di un’economia mondo dove tutti gli attori sono reciprocamente interrelati

La Cina inizia il 2016 (per il vero il Capodanno cinese è posticipato rispetto al nostro) con un brutto scivolone di borsa. Difatti, le sue piazze finanziarie perdono all’incirca il 7%; anche se, a magra consolazione, pure le borse dell’Occidente mostrano bruschi atterraggi. Naturalmente, come l’esperienza insegna, avremo certamente recuperi; tuttavia, sono segnali che è importante decifrare per capire quali sono i venti negativi che spirano sulla Città proibita; e, conseguentemente, su di un’economia mondo dove tutti gli attori sono reciprocamente interrelati.

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli