Se l’exploit diventa flessione

Amministrative
ELEZIONI-AMMINISTRATIVE-2013-ROMA-ANCONA-VOTO-3-770x572

Ho sempre pensato che si potesse vincere e lo penso ancora. Intanto a Roma al ballottaggio ci siamo arrivati, contro ogni pronostico

I numeri – si sa – hanno una loro testardaggine. E allora, se vogliamo analizzare davvero il voto, è bene tenerne conto. Al voto sono andati 24 comuni capoluogo. Il Pd ne ha vinti al primo turno 3 ed è arrivato al ballottaggio in 17. Sono 4 quelli in cui siamo rimasti fuori. Il Movimento 5 Stelle in 6 comuni capoluogo non è nemmeno riuscito a presentarsi, in 15 è fuori dal ballottaggio. Su 24 comuni va al ballottaggio solo in 3: a Roma, Torino e Carbonia. Fare il calcolo dei voti non è semplicissimo per la presenza di tante liste civiche, ma quel che è certo è che rispetto al 2013 il M5S perde mentre il centrosinistra cresce (fonte autorevole e indipendente: Istituto Cattaneo). La Lega scompare, Sinistra Italiana ha un risultato deludente (parole di Fassina, non mie). Questo è il quadro oggettivo, il resto è (legittima) propaganda. Siamo contenti? No. Perché rimanere ancora una volta fuori dal ballottaggio a Napoli brucia. E perché in alcuni casi ci aspettavamo di più. Ma leggere questo risultato come un successo grillino è onestamente ridicolo.

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli