Se la rottamazione non arriva fino in fondo…

Community
Bandiera Pd

Circolo chiuso, iniziative per i soliti noti, potentati che si spartiscono i posti: eppure rinnoverò ancora la tessera

Mi sono iscritto al Pd nel 2014, ho ricevuto una tessera provvisoria in via telematica dopo pochi giorni e sono rimasto in attesa di ricevere quella ufficiale da parte del segretario del circolo a cui ero stato aggregato, attesa vana a tutt’oggi. Dopo alcuni mesi di silenzio ho scritto alcune email all’indirizzo del circolo: nessuna risposta. Ho cercato l’indirizzo del circolo sul sito internet del Pd e mi sono recato di persona alla sede indicata senza trovare nulla e nessuno. Il lato comico della situazione è rappresentato dalla presenza costante di annunciate iniziative del Pd locale sui vari media, annunci sempre postdatati rispetto alla data di effettuazione, con conseguente diritto di partecipazione riservato ai “soliti noti”.

Sono riuscito ad avere qualche notizia della vita del Pd alessandrino attraverso un amico (ex consigliere comunale del Pci ed attuale membro del “consiglio cittadino”) che mi ha sciorinato un elenco corposo di potentati in cui riecheggiava al 90% la nomenclatura del Pci di antica memoria con qualche innesto sparuto di ex Margherita ed ex Psi. Una domanda spontanea: la rottamazione renziana dove è finita?

Anche se molto deluso rinnoverò anche per quest’anno l’iscrizione al Pd anche se è molto difficile dare fiducia ad un apparato locale che è impenetrabile come un muro di gomma.

 

LA NOSTRA CAMPAGNA D’ASCOLTO – Come dovrebbero cambiare i circoli del Pd? A voi la parola

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vedi anche

Altri articoli