Quelle bombe sui pacifisti

Mondo
turchia

La verità è che la Turchia sta subendo una involuzione autoritaria

L’attentato più spaventoso mai compiuto in Turchia. A decine le vittime tra partecipanti ad una manifestazione promossa da giovani e forze progressiste tra cui l’Hdp il partito della opposizione filo curda. La sequenza di attentati contro i curdi sta diventando impressionante. Il 20 luglio scorso persero la vita in un attentato 33 ragazzi che avevano deciso di raggiungere Kobani per sostenere i combattenti curdi siriani impegnati coraggiosamente, da soli, nella difesa della città contro Daesh. Altre vittime curde nel giugno, a Diyarbakir, durante la campagna elettorale, prima di un comizio di Salahettin Demirtas leader del Partito democratico del popolo. Il sospetto che l’attentato di Ankara sia il frutto di un intreccio di forze oscure, dai terroristi del Califfato agli apparati di sicurezza turchi, il cosiddetto “deep state”, non è privo di fondamento. La verità è che la Turchia sta subendo una involuzione autoritaria.

Per continuare a leggere abbonati qui

Vedi anche

Altri articoli