Quel libro di Piero Angela sia un testo per le scuole

ControVerso
geografia-astronomica-le-galassie_8c109df96278f7a32c058101f322b698

“13 miliardi di anni”. Poco più di 200 pagine per raccontare la storia della Terra e della nostra specie.

Ho appena finito di leggere uno splendido libro di Piero Angela , “13 miliardi di anni”. Poco più di 200 pagine per raccontare la storia della Terra e della nostra specie. Tutta la storia. Dal big bang, l’inizio di tutto, fino ai giorni odierni. Passando fra le galassie, i giganteschi cataclismi naturali, le estinzioni di massa, i dinosauri e gli ominidi nostri progenitori. Scritto come un dialogo fra l’autore e un anonimo interlocutore che pone domande, lo stimola e richiede chiarimenti, ha il pregio della semplicità assoluta. Senza però mai perdere di rigore scientifico. Mi verrebbe da dire che dovrebbe essere un libro di testo delle nostre scuole per superare almeno un po’ della quasi totale incultura scientifica, che contraddistingue il nostro Paese. E farci invece recuperare il respiro drammatico, tutt’altro che lineare, tutt’altro che magico o provvidenziale, spesso casuale, imprevedibile e disordinato del processo evolutivo, che ci ha portato fin qui. Mi ha colpito una tabella che Angela pubblica alla fine del libro e che riguarda gli ultimi “secondi” del nostro tempo. Una frazione dei 13 miliardi di anni passati dall’inizio. Riguarda la Gran Bretagna, paese con statistiche certe da molto tempo. Ma riguarda ugualmente molta parte del mondo. Negli ultimi 200 anni la popolazione è quadruplicata, le ore di lavoro pro capite si sono dimezzate, il reddito individuale è cresciuto di 13 volte e la durata della vita è più che raddoppiata. Ma dopo 13 miliardi di anni il bello deve ancora venire. Stiamo ancora accelerando. Dobbiamo “solo” evitare testacoda e salti di corsia.

Vedi anche

Altri articoli