Quante sfide per la città del futuro

ControVerso
ce-futuro-per-simcity-citta-del-futuro_dd91

Nei prossimi 3 decenni la crescita della popolazione si concentrerà quasi tutta nelle città, le reti digitali saranno importantissime

Nei prossimi 3 decenni la crescita della popolazione si concentrerà quasi tutta nelle città. Sono previste 40 megalopoli, con più di 10 milioni di abitanti. Il 70% degli esseri umani vivrà in aree urbane. Il 30% dell’economia mondiale e più del 50% delle innovazioni saranno concentrati in non più di 100 città. Il contrario di quanto era stato previsto, quando lo sviluppo delle tecnologie di comunicazione aveva fatto pensare che le città sarebbero diventate obsolete e indifferente la posizione territoriale di un individuo, di un’azienda, di un istituzione.

Invece aveva ragione Weber scrivendo che “l’aria della città rende liberi”. Liberi allora dalla servitù della gleba, ma liberi anche oggi in termini di opportunità, occasioni, scambio, innovazione. Un crogiuolo in cui l’umanità dà il meglio di se stessa. Tutto questo pone alle aree urbane sfide immense in termini di infrastrutture. Reti di trasporto, acqua, energia, rifiuti, abitazioni, telecomunicazioni.

Le reti digitali saranno importantissime. Stanno nascendo, anzi sono già nate, le “smart city”, con miliardi di sensori collegati agli oggetti , “ le cose intelligenti” , “ le cose che parlano”, in grado di ottimizzare l’ uso delle risorse, aiutare le scelte individuali grazie a una migliore conoscenza delle condizioni di contorno, risparmiare tempo , implementare la sicurezza e la prevenzione dei crimini. La competizione fra queste aree metropolitane sarà feroce. Per attrarre talenti e investimenti. Quante città italiane saranno fra 30 anni all’altezza?

Vedi anche

Altri articoli