Ora i comitati per le riforme

Riforme
Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante la sui social "Matte Risponde"?, Roma, 5 Aprile 2016.
 ANSA/ UFFICIO STAMPA/ PALAZZO CHIGI/ TIBERIO BARCHIELLI 

  +++ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING+++

L’Italia sceglie la strada della stabilità e della semplicità con un lavoro atteso da anni

La riforma costituzionale ha superato anche la sesta e definitiva lettura. Il Parlamento ha fatto il suo lavoro, adesso toccherà ai cittadini avere l’ultima parola, ragionevolmente a metà ottobre. È un passaggio di portata storica per il nostro Paese. Si cancella il Senato per come lo abbiamo conosciuto superando il bicameralismo paritario, si riducono le competenze delle Regioni, si semplifica l’iter legislativo. L’Italia sceglie la strada della stabilità e della semplicità con un lavoro atteso da anni. Vi confesso di vivere una forte emozione: l’idea che – seguendo le procedure democratiche previste dalla Costituzione stessa – si sia fatta la riforma di cui tutti sottolineavano l’urgenza ma senza essere in grado di cambiare davvero, mi riempie il cuore di responsabilità.

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli