Omicidio stradale, Minnucci: “Un testo che rende giustizia, sarà un deterrente”

Parlamento
Un romeno di 54 anni, residente a Settimo Torinese, è morto in un incidente stradale avvenuto nella tarda serata di ieri sulla tangenziale del capoluogo piemontese, all'altezza dello svincolo di Borgaro, 18 ottobre 2015. L'uomo era al volante della sua Peugeot 206 quando, per cause da accertare, ha perso il controllo del veicolo che ha sbattuto contro un guardrail e si è ribaltato più volte. Sull'auto è piombata una Ford Fiesta, che non ha potuto fare nulla per evitarla. Il suo conducente, un italiano, ha riportato soltanto ferite lievi. All'arrivo dei sanitari del 118 e dei vigili del fuoco, per il romeno non c'era invece più nulla da fare. ANSA/ DAVIDE PETRIZZELLI

Il deputato Dem Emiliano Minnucci, membro della Commissione Trasporti della Camera, commenta l’approvazione definitiva in Senato della legge sull’omicidio stradale.

“L’omicidio stradale è legge e per me, così come per tutti i familiari delle vittime e dei cittadini impegnati nelle Associazioni che si sono battute su questa questione fondamentale, è una grande soddisfazione. Quello che è accaduto ieri in Senato è stato un successo importante anche tutti quelli che hanno lavorato per giungere a questo obiettivo che possiamo tranquillamente dire, senza enfasi, può valere un’intera legislatura”.

Così il deputato Dem Emiliano Minnucci, membro della Commissione Trasporti della Camera, commentando l’approvazione definitiva in Senato della legge sull’omicidio stradale.

“Ci abbiamo creduto tanto – ha aggiunto Emiliano Minnucci – e non si tratta assolutamente di una norma giustizialista. Permette, infatti, due precise risposte: da un lato, rende giustizia alle vittime dei pirati della strada, a tutti coloro cioè che hanno subito un danno fisico o nei loro affetti più cari; dall’altro, sviluppa un’azione concreta di deterrenza, poiché questa normativa tanto attesa si pone anche un compito pedagogico ed educativo”.

Vedi anche

Altri articoli