Non ci sarà un Dio che li salvi

Terrorismo
epa05232894 A man who was injured in a suicide bomb blast leaves after receiving first aid at a hospital in Lahore, Pakistan, 27 March 2016. At least 52 people inlcuding women and children were killed while dozens injured in a suicide bomb attack that targeted a recreational park in Lahore.  EPA/RAHAT DAR

Gli assassini di Baghdad, di Lahore o di Bruxelles sono stati anche loro bambini, devono sapere che non ci sarà un Dio che li salvi

Di fronte al sangue e ai resti di corpicini sparsi sull’erba di un campo di calcio a sud di Baghdad o del parco giochi Iqbal di Lahore, non è semplice trovare le parole. Le parole giuste per commentare la disumanità e l’istinto primordiale alla carneficina più ingiusta e più insensata di tutte, quella che abbatte tanti bambini, scelti come agnelli da sacrificare. Le parole sembrano finite, questa è la verità. Sopraffatte dalla scia di un orrore inaccettabile, di un’offesa devastante alla vita.

Questi carnefici fanatici colpiscono ormai non importa chi. Uccidono nel mucchio e non importa più nemmeno sapere in quale Paese. Non distinguono tra cristiani o musulmani, e distruggono in modo cieco perché devono porre fine a qualsiasi idea di felicità, normalità, futuro. E per farlo abbattono anche la felicità di dare un calcio al pallone o il sorriso dall’altalena. Eppure questi assassini sono stati anche loro bambini, devono sapere che non ci sarà un Dio che li salvi.

I bambini, troppi bambini, continuano a morire per questa bestalità o guerra asimmetrica, ibrida o come diavolo la vogliamo chiamare. E ne muoiono tanti, di bambini, anche nella loro fuga dalla guerra. Il macabro ritmo è di due al giorno, ci informa la tristissima contabilità dell’Unicef. E’ sempre avvenuto in passato, si dice. Vero, ma dovrà pur fare una qualche differenza questa cifra nella modernità del 2016. Dovrà scuotere le coscienze sapere che la più grande bara del mondo, quella liquida del Mediterraneo, ha già risucchiato oltre 700 corpicini dal solo gennaio ad oggi? Una mattanza. Uno stillicidio di vite umane all’inizio della vita. Chiedete ai nostri eroici sub quanti ne hanno ritrovati, tanti, appiattiti sul fondo più buio ancora aggrappati alle loro mamme nella disperazione dell’ultimo abbraccio. Abbiamo sempre negli occhi Aylan, il bimbo siriano annegato a tre anni che con la sua maglietta rossa e i suoi calzoncini blu sembrava un bambolotto sulla sabbia. Commosse il mondo, Aylan, e sembrò mobilitarlo suscitando sdegno e un mare di promesse. Ma poco o nulla è cambiato.

No, non ci può essere assuefazione alle atrocità, a questa continua strage, a questo furto di futuro dell’umanità. In attesa di qualcuno che metta ordine nel disordine mondiale, abbiate pietà almeno per i bambini.

Vedi anche

Altri articoli