Nessuno resterà solo

Terremoto
renzi

Questo è il tempo della commozione, ma anche il tempo dell’azione

L’ Italia piange i propri connazionali e mostra al mondo intero le lacrime del dolore, ma anche il cuore grande e generoso del volontariato che fin dalle prime ore della notte del sisma si è messo in moto.

Il cuore generoso della Protezione Civile, di tutte le istituzioni. Dalle 3.37 la macchina operativa, istituzionale e del volontariato si è messa in moto con una grande decisione e una grande determinazione e vorrei che a tutti e a ciascuno arrivasse non solo il grazie del governo ma il grazie di tutte le italiane e di tutti gli italiani.

Vorrei che arrivasse il grazie a chi scava a mani nude, a chi lavora per assicurare le comunicazioni, a chi sta coordinando le varie fasi dell’emergenza dalle prime ore che sono sempre le più drammatiche. Vorrei dire grazie a tutti quelli che salvando una vita, strappando una persona dalle macerie, dimostrano quanto grande possa essere la forza, la professionalità e l’importanza della Protezione Civile e del volontariato.

Nei territori interessati, soprattutto nelle Province di Rieti e di Ascoli Piceno, nei Comuni di Amatrice, di Accumoli e di Arquata del Tronto il lavoro continua. Dobbiamo attrezzarci per l’emergenza delle prossime ore, dei prossimi giorni, delle prossime settimane. Ieri ho visitato le zone colpite ed ho partecipato alle riunioni operative con le strutture interessate, i rappresentanti delle istituzioni regionali e locali, il capo della Protezione civile, il ministro delle Infrastrutture.

Questo è il tempo della commozione, ma anche il tempo dell’azione. Voglio dire una cosa con il cuore in mano alle italiane e agli italiani: nei momenti di difficoltà l’Italia sa come fare, nei momenti in cui le cose non vanno l’Italia tutta intera, tutta insieme mostra il suo volto più bello.

E allora prendiamo l’impegno a Palazzo Chigi a non lasciare nessuno da solo. Nessuna famiglia, nessun Comune, nessuna frazione. E mettiamoci al lavoro perché nelle prossime ore possiamo continuare a strappare dalle macerie delle vite umane e per restituire una speranza a quei territori così duramente provati.

Vedi anche

Altri articoli