Meloni in campo. E Salvini rompe anche a Torino

Roma
Il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, durante l'incontro in piazza del Pantheon nel quale ha annunciato la sua candidatura a sindaco, Roma, 16 marzo 2016. ANSA/ ANGELO CARCONI

L’ira di Berlusconi: “Giorgia perde. I leghisti? A Roma sono tutti ex fascisti”
Sotto la Mole uno sfidante del Carroccio contro il candidato di Forza Italia

In mezzo a piazza del Pantheon affollata da flash, microfoni e turisti, romanamente nel cuore di Roma, Giorgia Meloni ha annunciato la sua candidatura per la corsa al Campidoglio: «Se diventerò sindaco dovrò allattare? E allora? In una città il cui simbolo è una Lupa che allatta due gemelli non credo che sia un problema vedermi allattare». E guai a chi, come hanno fatto Guido Bertolaso ma anche Silvio Berlusconi, le consiglia in modo parternalistico di non strapazzarsi e di “fare la mamma”: «Lo credo con forza: nessun uomo può dire a una donna cosa deve fare o non fare», dice con decisione la candidata della destra sostenuta e spinta dal leader leghista Matteo Salvini.

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli