L’Europa non modificherà mai il “bail in”, bisogna trovare altre strade

Economia
Foto Fabio Ferrari / LaPresse09 01 2012 Torino, ItalianewsFoto Stock - BancheFoto Fabio Ferrari / LaPresse09 01 2012 Turin, ItalynewsStock Picture - Bank

Ecco quali sono le ipotesi per tutelare milioni di risparmiatori italiani

Inutile illudersi: la legge sull’autosalvataggio bancario da parte dei clienti non verrà mai cambiata dalle istituzioni europee. O comunque non avverrà in tempo per evitare pericolose derive nel nostro sistema del credito, come temono le mozioni presentate in Parlamento da Pd, Forza Italia e Movimento Cinque Stelle, per una volta sostanzialmente collimanti nell’obiettivo di tutelare meglio i risparmiatori. L’illusione in cui ci si stava cullando dopo l’intervento del governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, che ha giustamente invocato una modifica del bail in, supportato poi dal Presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, si schianterà infatti contro una diga molto più dura delle parole, la ferrea realtà delle procedure comunitarie.

Esiste una “clausola di revisione” per la corposa direttiva europea, che tanto fa discutere in questi mesi in Italia perché stravolge un intero sistema di garanzie del risparmio e potrebbe scattare “entro il 2018″; ma non si tratta di un caso eccezionale o di un codice ad hoc, bensì di una norma procedimentale che è inserita sempre alla fine di ogni atto legislativo dell’Unione Europea, che deve essere poi ratificato dai parlamenti nazionali. Insomma, un po’ come l’articolo finale sull’entrata in vigore in calce a tutti i nostri decreti e disegni di legge: c’è sempre e nessuno ci fa caso.

Proprio in quell’articolo 129 infilato alla fine di un tomo di oltre cento pagine – esaminato per la verità dal Parlamento italiano quando ne ha approvato il recepimento a fine 2015 – c’è però una specifica che va invece tenuta in considerazione. L’eventuale proposta di revisione della normativa potrà essere avanzata non dai paesi partner dell’euro né dalle autorità di risoluzione delle crisi bancarie (da noi Bankitalia e ministero dell’Economia), ma dall’Eba, l’Autorità bancaria europea addetta alla vigilanza, che, sentite le prime, dovrà predisporre una relazione in merito al recepimento e al funzionamento del meccanismo. Solo l’Eba potrà quindi decidere e suggerire “eventuali modifiche volte a minimizzare le divergenze nazionali” e in particolare su due argomenti: i requisiti minimi patrimoniali, molto attuali oggi che si discute delle modalità individuate per smaltire 200 miliardi di euro di sofferenze attraverso le bad banks (la relazione andrà presentata entro il 31 ottobre 2016, limite pericoloso perché vicino e magari foriero di nuove richieste) e sulla semplificazione e sulle esenzioni per gli enti creditizi (entro il 31 dicembre del 2017, quello che ci interessa).

Il rimando alla legge madre europea è utile a capire il da farsi, se si mettono insieme le ultime prese di posizione delle istituzioni di Bruxelles e Francoforte. Sia la Commissione, in modo netto, che il presidente della Bce, Mario Draghi, in maniera più sfumata, hanno infatti sottolineato l’esigenza di non cambiare le regole in corsa, anche se il numero uno dell’Eurotower ha di nuovo  rimarcato la necessità di ottenere un’applicazione “omogenea” del bail in (per ora vanificata dalla sua applicazione disorganica in Portogallo, Italia e Germania) insieme alla tutela centralizzata dei depositi. Non sono dichiarazioni che lasciano il tempo che trovano, perché sono dettate dall’asse Berlino-Bruxelles-Francoforte, di solito restii a tornare sui  propri passi.

Bisognerà quindi scegliere altre strade, magari tortuose ma legittime, per tutelare milioni di risparmiatori italiani: il ricorso in Corte di Giustizia Europea, come suggerito da Mario Monti ovvero l’impugnazione della legge italiana che ha recepito il bail in di fronte alla Corte Costituzionale. Sono già autorevoli i sostenitori di questa ultima ipotesi, da Paolo Savona ad Angelo De Mattia, due grandi esperti di credito.

Le argomentazioni di chi sostiene la via del contenzioso giuridico sono semplici. La Consulta potrebbe infatti essere chiamata a valutare la retroattività della norma sul bail in, alla luce dei criteri di ragionevolezza e proporzionalità, con espresso riferimento all’articolo 47 della Costituzione (“La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito”) e dello stesso articolo 42 (“La proprietà privata può essere, nei casi preveduti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi d’interesse generale”). Il quesito potrebbe allora essere questo: è lecito aver rivoluzionato un intero sistema di garanzie quando la compartecipazione alle perdite di azionisti e creditori subordinati potrebbe configurarsi anche come espropriazione senza equo indennizzo e non motivata per il soddisfacimento di interessi generali? Il tutto effettuato peraltro in modo retroattivo, colpendo quindi anche investimenti ben precedenti all’entrata in vigore della legge comunitaria il primo gennaio scorso?

Qualcuno, a ragione, potrà pensare che sono temi molto tecnici e da costituzionalisti. Ma quando sono in ballo la tutela del risparmio, la solidità delle banche e infine anche l’immagine stessa di un paese che in 14 anni di euro ha sicuramente più dato che ricevuto, diventano materia di confronto politico ed istituzionale.

 

Vedi anche

Altri articoli