La verità sulla scuola

Scuola
scuola

Grazie alla Buona Scuola abbiamo assunto e stiamo assumendo circa 15.000 insegnanti in Campania, oltre 10.000 docenti in Sicilia e Puglia, più di 5.000 in Calabria. Come si fa a dire che stiamo espropriando questi territori del loro patrimonio e del loro capitale umano?

A furia di parlare di algoritmi e di incroci di dati – numeri, tabelle e fasi – qualcuno vorrebbe costruire nell’immaginario comune l’idea di un Ministero mangiacarte, implacabile e inflessibile manipolatore di vite, completamente separato dal mondo che scorre fuori, che si anima, giorno dopo giorno, di storie di insegnanti le cui esistenze sono in bilico, appese a una mail o una comunicazione su un sito.

Non è così. E lo dice uno che prima di essere Sottosegretario è un uomo del Sud. Lo dice uno che in questi quasi due anni di incarico non si è mai fermato un attimo e ha colto l’occasione per andare a conoscere di persona chi lavora nelle scuole italiane, per apprendere dalla loro viva voce cosa andasse bene e quali fossero invece le storture da correggere.

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli