La vacanza perfetta è quella in bicicletta

ControVerso
biciclette

Niente di eroico, per carità, ma 50-70 chilometri al giorno, quasi tutti pianeggianti, con i bagagli portati all’albergo del giorno dopo dall’organizzazione

Vacanze finite e solite domande. “Dove sei stato, quali posti hai visto, ecc.”. Routine. Tutti sono stati in posti fantastici e cercano di mostrarti le solite foto sul telefonino. Ma un consiglio me la sento di darlo anche io, basato sull’esperienza. Le vacanze in bicicletta.

Niente di eroico, per carità. Non confondetemi con quei ciclisti che sfidano montagne o arrancano lungo le nostre colline con bagagli appresso. La pompa, non quella della bicicletta, non reggerebbe. Parlo invece dei molti percorsi ciclabili con distanze lunghe che ormai sono stati approntati in Italia e in molti paesi europei. E anche fuori d’Europa. 50-70 chilometri al giorno, quasi tutti pianeggianti, con i bagagli portati all’albergo del giorno dopo dall’organizzazione.

L’anno scorso ci siamo fatti la Valle della Loira e quest’anno il lago di Costanza. Una settimana costa meno di un soggiorno a Rimini, bicicletta, albergo, prima colazione e trasporto bagagli compresi. Pedali lentamente per 4-5 ore e ti guardi in giro. Libero di fermarti quando vuoi, senza problemi di parcheggio. Fa bene agli occhi e alla salute. Un consiglio in più. Unico abbigliamento speciale richiesto un bel paio di pantaloni da ciclista. Imbottiti.

Vedi anche

Altri articoli