La strana coppia Monti-Fassina

Politica
small_121127-220401_bast271112pol_0200-638x425

Il rigorsmo di Monti e Fassina che si muovono all’assalto del primato della politica brandendo bilanci e tabelline, grafici e numeretti

Tempi duri per il governo Renzi, colpito simultaneamente dal Campidoglio e da Bruxelles, accusato retroattivamente di aver provocato il dissesto di Roma e, futuribilmente, di scassare i conti pubblici insieme a tutta quanta l’Unione europea. Il doppio, spietato attacco è venuto da Mario Monti e da Stefano Fassina, economisti illustri prestati alla politica che alla politica non riescono più a rinunciare.

Entrambi hanno partecipato ai governi di unità nazionale improntati all’austerità e al rigore – Monti come presidente del Consiglio, Fassina come viceministro dell’Economia nel governo Letta – e, oggi che il primato dei ragionieri è finalmente tramontato, muovono all’assalto del primato della politica brandendo bilanci e tabelline, grafici e numeretti.

 

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli