La mezza verità di Papa Francesco sull’Islam

ControVerso
papa15

Un ragionamento alto sul ruolo e la storia delle diverse religioni forse, prima o poi, andrà fatto

“È guerra, ma le religioni non c’entrano”. Così Papa Francesco a commento dell’orribile assassinio avvenuto dentro una chiesa a Rouen. Probabilmente non poteva e non può, almeno per il momento, dire cose diverse. Ma lui stesso sa che si tratta di una mezza verità e, prima o poi, il problema andrà affrontato e qualche passo in avanti dovrà essere fatto.

La Chiesa cattolica da tempo ha deciso di fare pace con le altre religioni, ha smesso da secoli di pensare di convertire gli “infedeli” anche con la forza ed ha avviato un importantissimo dialogo intereligioso. Ma non credo vi sia dubbio alcuno che i terroristi della nostra epoca trovino le loro motivazioni anche in una determinata lettura del Corano.

Non da oggi se per esempio ci si ricorda della fatwa lanciata contro Salman Rushdie con l’autorizzazione ad assassinarlo. Fatwa emessa da un’autorità religiosa. Il fatto stesso che molti esponenti mussulmani facciano appello all’islam razionale, al «vero» Islam, concede il fatto che ci sia un altro Islam, tutt’altro che disposto al dialogo.

Quindi la religione c’entra, eccome. E non basta qualche intellettuale illuminato a smentire questo fatto. Certo il Papa non può rinunciare al dialogo e all’incontro. Ma un ragionamento alto sul ruolo e la storia delle diverse religioni forse, prima o poi, andrà fatto.

Vedi anche

Altri articoli