#ioho20anni Auguri a IO donna

MediaTelling
coverinevidenza

Il settimanale femminile del Corriere della Sera, diretto da Diamante d’Alessio compie 20 anni e lancia l’idea di un puzzle emozionale fatto di racconti

Che bello festeggiare potendo dire #ioho20anni: un compleanno che per una rivista sa di traguardo raggiunto ma che, in generale, profuma di gioventù. I vent’anni, per tutti e per tutto, sono la felicità. A compierli, proprio in questa fine settimana, è IO donna, il settimanale femminile del Corriere della Sera, diretto da Diamante d’Alessio.

Non può che commentare così, la direttrice: “A venti anni si guarda solo avanti. Ed è quello che vuole fare IO donna, lanciando questi mesi di festeggiamenti, in modo virale. Chiediamo agli amici, ai lettori e ai protagonisti delle nostre pagine, di regalarci un pensiero pieno di tutta la loro energia per creare un colorato puzzle emozionale”. L’invito è a scrivere un racconto su cosa vuol dire sentirsi ventenni; un sentirsi che va oltre l’età anagrafica (per fortuna). A questo puzzle mediatico, che si comporrà sull’ampia sfera dei social, parteciperanno i lettori e gli amici del settimanale.

Le prime firme ai nastri di partenza sono state quelle di Chiara Gamberale, Ivan Cotroneo, Laura Pausini e  Paola Cortellesi, protagoniste anche della cover del numero. Non c’è limite alla creatività che si potrà esplicare anche attraverso un apposito format disponibile del sito iodonna.it: i racconti non potranno superare le 20 righe e un’immagine correlata sarà la copertina digitale. Vincono in cinque e, quelli prescelti, avranno l’onore di essere interpretati , in un video, da attori e attrici. Saranno poi pubblicati nel numero dedicato ai venti anni di IO donna, in edicola il 14 maggio.

Un compleanno partecipato, dunque, nello stile oggi dominante del “talent” che, una volta tanto, sarà almeno dedicato alla scrittura. Vent’anni rispetto ai 140, appena festeggiati del vecchio Corsera, sono un soffio di tempo ma quest’ultimo tempo è stato forse quello fecondo e complesso per le donne. Dall’azienda ci dicono le lettrici di IO donna sono per definizione “ donnemultitasking”, cioè impegnate “su più versanti e capaci di ritagliarsi uno spazio per sé, alternando la lettura tradizionale, l’informazione online e la condivisione digitale, sempre attente a ciò che le circonda”.  Una rappresentazione forse un po’ idilliaca. Ma quando si ha vent’anni tutto è ammesso, anche l’esagerazione.

Vedi anche

Altri articoli