Il Senato e i limiti di maggioranza e minoranza Pd

Riforme
Aula del Senato durante la discussione sulle riforme Costituzionali, Roma, 17 settembre 2015. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Sul percorso delle riforme nessuno basta a se stesso ed è necessario coltivare la curiosità verso la quota di verità presente in ciascuno.

È iniziato il conto alla rovescia. Imperdonabile mancare la riforma costituzionale, un dovere provare a migliorarla. Anche per questo l’unità ritrovata nel Pd è un bene. Gli emendamenti concordati sono un buon passo in avanti. Non serviva un braccio di ferro. C’era bisogno di un compromesso serio tra convinzioni che sulla materia ci attraversano oltre l’appartenenza a singole componenti. Mi piace interpretare così l’ultima nostra direzione. Come uno squarcio in quella incomunicabilità che…

Clicca qui per abbonarti e leggere l’articolo integrale

 

Vedi anche

Altri articoli