Il Fatto, il Tempo, Santanché: che bella compagnia attorno alla Raggi

Il Fattone
La candidata sindaco di Roma del Movimento 5 Stelle, Virginia Raggi, ospite del programma Rai "Porta a porta", condotto da Bruno Vespa, Roma, 01 marzo 2016. 
ANSA/GIORGIO ONORATI

La gaffe della ex ragazza dello studio Previti sull’Acea

Cominciamo dalla notizia: Virginia Raggi, la candidata della Casaleggio Associati srl al Campidoglio, domenica scorsa, intervistata da Maria Latella a SkyTg24, dichiara testualmente: “Dobbiamo valutare come agire sul versante Acea: una cosa che faremo di sicuro è cambiare il management”.

Il titolo della municipalizzata perde in Borsa il 4,73%, che tradotto in euro facirca 142 milioni. “Considerate le affermazioni del M5s – si legge nel report di Equita, una delle principali società di intermediazione finanziaria – riteniamo che il rischio elezioni stia aumentando e quindi passiamo da buy a hold”.

Per il Comune di Roma, che detiene il 51% di Acea, la perdita netta è di 71 milioni di euro.

Bene: anzi, male. Anche perché, diversamente da Ama e Atac (rifiuti e trasporti), che sono tecnicamente fallite, Acea grazie al nuovo management produce utili. E il Fatto che fa? In prima pagina, oggi, titola “Acea, Caltagirone & Pd all’assalto della Raggi”.

Proprio così: la sventata ex praticante dello studio Previti, coccolata ogni giorno dal Tempo e forte del voto diGiorgia Meloni al secondo turno (Daniela Santanché, secondo quanto riportato proprio dal Fatto qualche giorno fa, la voterebbe anche al primo), affossa l’unica municipalizzata che funziona e il giornale di Travaglio si scaglia contro il Pd, colpevole di averlo fatto notare con preoccupazione.

Da segnalare che – beata ingenuità! – nel tentativo di difendere la Raggi il valente cronista del Fatto scrive che “comunque il titolo era reduce da forti rialzi, nei giorni scorsi, dopo la presentazione del bilancio”. Il valente cronista non deve essersene accorto, ma questo significa per l’appunto che l’azienda è sana, che le prospettive sono buone, che il management è ben visto dai mercati.

E’ ormai chiaro a tutti che il vero candidato della destra a Roma è la ex ragazza cresciuta nello studio Previti e scelta dalla Casaleggio Associati srl perché carina (diversamente dalla povera Patrizia Bedori, fatta fuori a Milano senza troppi complimenti dopo un linciaggio pubblico sul suo aspetto fisico) e, soprattutto, totalmente ignara dei problemi della capitale così da poter essere telecomandata a piacere.

Per carità, niente di male: a decidere saranno in ogni caso gli elettori.

Una domanda però resta: che ci fa il Fatto in compagnia del Tempo, di Giorgia Meloni, della Santanché e di Previti?

Vedi anche

Altri articoli