Il cambiamento è adesso

Riforme
Il mninistro per le Riforme Costituzionali e per i Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi durante le celebrazioni del 25 aprile a Sant'Anna di Stazzema (Lucca), 25 Aprile 2015. ANSA/RICCARDO DALLE LUCHE

Poniamo fine al “bicameralismo perfetto”: per approvare qualsiasi legge non sarà più necessario un lunghissimo percorso fatto di innumerevoli passaggi

Come ha scritto Charles Dickens: «Era il migliore dei tempi, era il peggiore dei tempi; era l’età della saggezza, era l’età della follia». Non so vicino a quale tra questi estremi si debba porre la nostra epoca, ma di una cosa sono sicura: questo è, per l’Italia, un tempo di grandi cambiamenti. A cominciare da quello che è iniziato lo scorso 12 aprile, con l’approvazione definitiva della riforma della nostra Costituzione. Una riforma che ha finalmente visto la luce, dopo oltre 30 anni di tentativi falliti, che semplifica il modo in cui funzionano le istituzioni italiane (che le rende più forti perché più capaci di prendere decisioni).

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli