Grazie Marco per le tue lotte

Community
Marco Pannella  nel  carcere di Opera, Milano, 18 Dicembre 2015. ANSA/ MOURAD BALTI TOUATI

Tante le battaglie di Marco Pannella e del partito Radicale per i diritti civili che hanno cambiato in meglio questo Paese

Le battaglie civili portate avanti dall’onorevole Pannella e dal partito radicale ci hanno coinvolto tutti, essendo battaglie civili alcune ci hanno coinvolto nella passione di appoggiarle, altre magari ci hanno lasciato più indifferenti, questo è il destino di questo genere di rivendicazioni: di arrivare in tempi che a volte ci trovano impreparati.

Da donna, da madre, da ragazza, ovviamente la mia riconoscenza per il lavoro militante, il supporto e contributo dei radicali è sopratutto nelle rivendicazioni della parità, parità civile e sessuale, il divorzio, l’ aborto. Da malata sono stata attenta alla discussione sui diritti dei malati, della loro dignità, dignità di vivere e morire. Liberi di vivere e di scegliere come.

Battaglie per legalizzare e sopratutto liberalizzare, perché sta all’ individuo l’arbitrio e la disciplina prima ancora che nelle regole imposte, quand’anche se condivise. Un’irresistibile utopia a cui mai cessare di tendere  da persona, le battaglie per la cura dell’ ambiente mi hanno sempre trovata attenta e pronta al sostegno. Come quelle contro le discriminazioni razziali e religiose, sempre affrontate dal punto di vista di persona laica.

I diritti dei carcerati e il carcere stesso come istituto da ripensare tutto completamente sono fra le rivendicazioni a cui dedico più attenzione e studio e sulle quali ho dato il mio sostegno più “disinteressato”, e continuano ad  avere il mio impegno allo studio e al lavoro ogni qual volta si chiede al cittadino di esprimersi, dichiarare, scegliere, denunciare.

Diritti che partono dall’attenzione verso la vita dentro al carcere e che portano all’attenzione della tutela della persona e quindi  al reato di tortura, al  processo giusto per tutti. L’onorevole Pannella e morto ma nessuna di queste battaglie può fermarsi.
Inutile parlarne al passato: e tutto da proseguire, da portare avanti. Senza di lui senza che ci manchi mai un momento il suo spirito di giustizia visto con gli occhi degli esclusi e degli ultimi.

 

 

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vedi anche

Altri articoli