Gli insulti sono uguali per tutti

Community
20160704_DIREZIONE_DeLuca_U

La boutade di De Luca non è molto diversa da quelle subite continuamente da Boschi e Boldrini. Serve più coerenza nell’indignazione

Si può ridicolizzare sull’altezza di Renato Brunetta, guai a dare dell’orango ad una persona di colore, attenzione a sostenere che un bambino è sovrappeso, e non parliamone proprio di affibbiare ad una donna l’aggettivo “brutta”. Ecco, si rende opportuno che il “popolo degli indignati” approvi una lista e la renda pubblica, inserendo da un lato le cose che “indignano” e dall’altro chi può indignarsi.

Questa prassi dell’indignazione popolare a convenienza sull’utilizzo del linguaggio non va, almeno dovrebbe esprimersi nell’assoluta “uguaglianza”. Invece no, nasconde e rappresenta qualcosa di costante nella nostra quotidianità, la lotta politica. Ci si indigna soltanto per i risvolti che l’indignazione può determinare nella raccolta del consenso.

L’ultima boutade del solito De Luca, ormai collaudato biografo dei pentastellati, racchiude in sé tutto il percorso tipico dell’uso politico dell’indignazione. In sostanza il governatore della Campania, come un Travaglio qualsiasi, si è permesso di apostrofare la sindaca della capitale “bambolina imbambolata”. Meglio, dell’intero intervento, l’unica frase di interesse per la rete è stata questa, il seguito delle argomentazioni sono di nessuna utilità. Trasformandosi, in alcuni casi, in un attacco frontale all’universo donna.

Esattamente le stesse persone che, un giorno sì e l’altro pure, “asfaltano” Maria Elena Boschi o Laura Boldrini con appellativi ben più offensivi si sono indignati ed è scattato in automatico il “massima diffusione”. Una certa società applica un cliché che “deve” essere condiviso a prescindere ed il mancato rispetto comporta l’iscrizione nella categoria di cittadini di serie B.

Almeno gli indignati dovrebbero avere la “dignità” della coerenza, di cui per altro sono portabandiera , ma di quella falsa. Quindi o ci asfaltiamo tutti a vicenda o nessuno, le bambole sono uguali per tutti.

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vedi anche

Altri articoli