Fidel Castro non verrà giudicato per i suoi ideali, ma per quello che ha fatto

Community
fidelcastrojoven-1440x900_c

La dittatura castrista ha limitato (e limita) la libertà del popolo cubano, ha trasformato una colonia in una dittatura militare

La sanità pubblica efficiente e l’alto tasso di alfabetizzazione non bastano per la storia ad assolvere Fidel Castro; al di là delle immagini romantiche del rivoluzionario che si ribella al colonialista straniero c’è l’immagine di un uomo che per liberare il popolo dall’invasore l’ha reso schiavo dei liberatori.

Diceva George Orwell che non si fa una dittatura con lo scopo di preservare una rivoluzione, ma si fa una rivoluzione con lo scopo di instaurare una dittatura, ed è così è stato per il popolo cubano.

Il problema principale con tutte le dittature, rosse e nere, è che esse tendono a voler controllare l’individuo, placare e detronizzare la persona umana che passa dall’essere un individuo con una propria singolarità all’interno di un sistema liberale ad un ingranaggio della macchina burocratica statale all’interno di un sistema dittatoriale e controllato, così accadde per il fascismo, per lo stalinismo e così è accaduto al castrismo.

Scriveva Bobbio: “E’ successo più volte nella storia. Quello che era stato concepito come nobile ed alto, è diventato rozza materia. Così la Grecia è divenuta Roma, così l’illuminismo russo è diventata la rivoluzione russa. […] E’ proprio di questa “rozza materia” e non di ciò che è stato concepito che dobbiamo parlare o, se volete, del contrasto tra ciò che era stato promesso e ciò che è stato effettivamente attuato.”

Se è vero quindi che tocca ai posteri l’ardua sentenza non possiamo giudicare l’operato di un uomo a partire dai suoi nobilissimi ideali di partenza, ma proprio dello scarto tra ciò che era stato promesso prima e durante la rivoluzione e ciò che poi è stato effettivamente attuato, la differenza tra analizzare una situazione ideologicamente e analizzarla con onestà intellettuale sta tutta qui, per evitare di trasformare i mostri in miti e i miti in mostri quindi è necessario partire dagli scarti tra l’iperuranio e la “rozza materia”.

La dittatura castrista ha limitato (e limita) la libertà del popolo cubano, ha trasformato una colonia in una dittatura militare, in una prigione, incarcerato omosessuali, dissidenti politici, persone innocenti e ha trasformato – di fatto – Cuba in un Principato, e come ogni principato la carica è passata monasticamente.

Il problema di fondo – cioè quello che trasforma in rozza materia utopie di mondi ideali – è che non puoi controllare l’economia senza controllare l’individuo, e non puoi controllare l’individuo senza l’instaurazione di una dittatura militare.

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vedi anche

Altri articoli