Eurosocialisti e liberal a Parigi per riaprire un dibattito sui diritti sociali

Europa
socialisti parigi

A parigi il vertice degli eurosocialisti. Sul tavolo proposte per una crescita economica sostenibile, il rilancio dell’occupazione e la crisi migratoria

Mi è capitato di recente di rilevare con amarezza come il libro Ripensare la Terza via, pubblicato nel 2004, non abbia suscitato un dibattito adeguato fra le forze politiche europee. Un’occasione mancata per rilanciare la prospettiva di un nuovo corso degli eurosocialisti dopo l’esperienza britannica di Tony Blair e quella tedesca di Gerhard Schröder. Spero invece che il vertice odierno di Parigi degli eurosocialisti, con la partecipazione anche del leader greco Tsipras, contribuisca a riaprire il discorso sui diritti sociali in un continente profondamente mutato e attraversato da imponenti flussi migratori. E nel contempo mi auguro che la raccolta di saggi di esponenti liberal di vari continenti presentata ieri a Washington e curata dal Center for American Progress conosca una buona diffusione e provochi reazioni, discussione, sani dissidi, proposte. Che, cioè, abbia un’eco significativa.

Il progresso, inteso non come percorso verso una meta già definita, bensì come superamento dei mali sociali che ci affliggono, come “progresso da”, non può non coinvolgere milioni e milioni di esseri umani ovunque nel mondo.

Purtroppo, quello che appare un paradosso ai limiti dell’assurdo – una realtà ormai globale con forze di centrosinistra per storia e vocazione inclini a interessarsi del mondo intero e di fatto quasi chiuse negli spazi nazionali – è una triste realtà. Verrebbe perciò da chiedere sia agli eurosocialisti, sia ai liberal d’oltreoceano di agire finalmente in maniera controfattuale. Vi sono spinte volte a limitare i rispettivi campi d’azione alle anguste frontiere nazionali? Contrastiamole. Ѐ radicalmente mutata l’idea di “massa”? Rivolgiamoci allora ai singoli e ai gruppi e sollecitiamoli a dire la loro su temi che incidono sull’esistenza di ciascuno, dall’Europa sociale al governo solidale dei fenomeni planetari.

Scrivi la tua opinione su Unità.tv

Vedi anche

Altri articoli