Erdogan rompa l’isolamento

Mondo
erd

Le elezioni in Turchia e le conseguenze del voto

Qui a Istanbul, come ad Ankara nei giorni precedenti le elezioni, i pronostici degli osservatori, gli umori delle persone, le opinioni dei partiti erano simili a quelli fuori dalla Turchia. E cioè di un esito che avrebbe confermato lo stallo delle elezioni di cinque mesi fa. Eppure la cosa che più si percepiva, non solo nella base popolare e conservatrice, era un’inconfessata e segreta speranza che ciò non avvenisse e che il partito di Erdogan, al di là dei condannabili e condannati caratteri autoritari, «vincesse da solo» in quanto baluardo di stabilità e moderazione, e potesse governare senza coalizioni.

Continua a leggere. Abbonati a l’Unità

Vedi anche

Altri articoli