Ecco perché il mondo del lavoro trarrà beneficio dalla riforma costituzionale

Referendum
regioni-141213193536_medium

La riforma costituzionale prevede anche la soppressione delle competenze concorrenti e una profonda revisione della loro ripartizione tra Stato e Regioni, con un effetto concreto sulla vita di tutti noi

Votare Sì al referendum costituzionale che si terrà in autunno significa non solo dare al Paese un nuovo assetto istituzionale, ma anche garantire una serie di importanti vantaggi alle cittadine e ai cittadini. La riforma costituzionale prevede, infatti, la soppressione delle competenze concorrenti e una profonda revisione della loro ripartizione tra Stato e Regioni, con un effetto concreto sulla vita di tutti noi. Nasce per queste ragioni la rete nazionale “Basta un Sì – per lo sviluppo e il lavoro” con il coinvolgimento di aziende nazionali e internazionali, associazioni, costituzionalisti ed esperti in materia di legislazione concorrente tra Stato e Regioni.

L’intento è quello di approfondire e diffondere i contenuti dell’art. 31 del testo di riforma costituzionale, che va a modificare l’attuale titolo V. Ci faremo promotori dell’avvio su tutto il territorio nazionale di comitati locali, con l’obiettivo di sviluppare iniziative di studio e di approfondimento, per rendere consapevoli cittadine e cittadini dell’importanza del Sì al referendum.

I benefici della riforma saranno infatti molti ed in molti campi della vita sociale, a partire dal lavoro. Nel nuovo testo, tra le materie per le quali allo Stato è riconosciuta potestà legislativa esclusiva oltre alla previdenza sociale, la tutela e sicurezza del lavoro, disposizioni generali e comuni sull’istruzione e formazione professionale, vengono inserite le politiche attive del lavoro.

Si tratta di un aspetto importante in primo luogo perché a queste ultime viene riconosciuto un ruolo costituzionale che non avevano e, in secondo luogo, perché la partecipazione alle misure di attivazione (dai servizi di intermediazione alla formazione) diventa un diritto che lo Stato è tenuto a rendere esigibile su tutto il territorio nazionale. Per chi cerca lavoro, soprattutto nelle regioni meridionali, si tratta di un vantaggio enorme, in particolare se la riforma costituzionale viene letta alla luce del Jobs Act.

Se la regione non è in grado di garantire il diritto alla partecipazione alle politiche attive, dopo la riforma dovrà essere lo Stato a farlo. Votando Sì, inoltre, i vantaggi saranno molteplici anche per le imprese, che finalmente potranno far riferimento ad una normativa nazionale unica sulle politiche ed i servizi per il lavoro – a cominciare dall’apprendistato, dalla regolamentazione dei tirocini e dal riconoscimento delle competenze professionali – senza dover modificare le proprie strategie in relazione alle 20 normative regionali attualmente vigenti.

Qualcuno dirà che la riforma introduce un nuovo centralismo, ma al contrario rafforza il ruolo delle Regioni. Nell’ambito delle competenze esclusive regionali rientrano, infatti, numerose materie che consentono alle Regioni di realizzare servizi per lavoratori ed imprese per sostenere lo sviluppo economico locale, realizzare la formazione professionale, promuovere il diritto allo studio, anche universitario. Inoltre la riforma costituzionale introduce una “clausola” che prevede la delega alle regioni virtuose per le materie di competenza esclusiva dello Stato. Questo significa che le Regioni virtuose avranno spazio di manovra, ma quelle inadempienti verranno sostituite dallo Stato.

Con la riforma costituzionale sarà possibile anche rivalutare le risorse disponibili con i fondi strutturali europei che, come è noto, attualmente vengono utilizzati in alcune regioni nell’ordine del 50- 60%, uno spreco enorme che il nostro Paese non può più permettersi. È appena nato il primo comitato “Basta un Sì – per lo sviluppo e il lavoro @Albano”, promosso da ragazze e ragazzi perché un Sì alla riforma costituzionale riguarda innanzitutto il futuro delle nuove generazioni. Per dar vita ai comitati della Rete è necessario collegarsi a www.jobsinaction.it

Vedi anche

Altri articoli