Cosa può fare la politica

Terremoto
image

Bisogna ricordare sempre quanto sia fragile il territorio italiano. Un territorio tanto bello quanto delicato

Tutto il Paese, istituzioni, volontari e cittadini, è mobilitato al fianco delle popolazioni duramente colpite dal sisma della scorsa notte ed è vicino alle famiglie delle vittime. In questi momenti tragici, come ha ricordato il presidente del consiglio Renzi, l’Italia si è sempre dimostrata in grado di fare l’Italia, mobilitando le sue migliori energie. La scossa che la notte scorsa alle 3.36 ha fatto tremare il Lazio, le Marche e l’Umbria devastando interi paesi ci ricorda quanto sia fragile il territorio italiano.

Passata la prima fase dell’emergenza, che ci impone di portare soccorso e aiuto a tutte le persone in pericolo e in difficoltà e di salvare quante più vite umane possibile, si dovrà lavorare per dare effettivamente la massima priorità alla prevenzione antisismica mettendo in atto politiche serie e coerenti e per ricostruire in sicurezza. Se per la fase di emergenza l’Italia può contare su un sistema di Protezione Civile tra i migliori al mondo, che ha le condizioni istituzionali per agire con rapidità, per aiutare le comunità colpite le istituzioni e la politica dovranno fare la loro parte.

Il terremoto che ha ridotto in macerie paesi di straordinaria bellezza come Amatrice, Accumoli, Arquata e Pescara del Tronto e le oltre 100 repliche che sono seguite confermano drammaticamente la necessità di una politica di lungo periodo per la prevenzione che deve partire dall’estensione e dal rafforzamento dell’ecobonus anche in funzione antisismica per le case, gli edifici pubblici e le imprese.

Una misura che riproporrò nell’ambito del dibattito sulla Legge di Stabilità. Il nostro Paese continua a fare i conti con il rischio sismico e con il dissesto idrogeologico: dal dopoguerra a oggi il costo dei danni dovuti a frane, alluvioni e terremoti è di oltre 240 miliardi di euro, per non parlare delle migliaia di vite perse. Secondo l’Ispra oggi sono 7 milioni gli italiani che vivono in zone franose o alluvionabili (il 12% della popolazione) mentre circa il 50% delle scuole non è a norma per la sicurezza antisismica.

E’quindi di primaria importanza potenziare e migliorare costantemente le attività di prevenzione, sia in termini di monitoraggio del territorio che per quanto riguarda le strutture urbanistiche. Il governo ha investito risorse importanti nella manutenzione del territorio dove spesso abusivismo e incuria hanno amplificato gli effetti di questi eventi. Primi passi sono stati mossi anche per favorire la messa in sicurezza in chiave antisismica delle abitazioni: l’ecobonus, la detrazione fiscale del 65% dei costi degli interventi, è stato esteso anche a questa tipologia di lavori.

Adesso, ripeto, bisogna rafforzarlo ed estenderlo per gli interi edifici, per le strutture pubbliche e per le imprese. Resta moltissimo da fare a partire dalla Legge di Stabilità. Ricostruire puntando su qualità, sicurezza, e possibilmente anche sulla bellezza, insieme a una vasta opera di prevenzione che parta dalla misura qui proposta, oltre a salvare vite umane, sarebbe anche un’occasione straordinaria per rilanciare l’economia e creare migliaia di posti di lavoro in un settore importante come l’edilizia, che dall’inizio della crisi ha perso oltre 500 mila addetti, attirando capitali sia pubblici che privati e qualificando tutto il sistema di imprese.

Proprio per discutere di cosa è necessario fare per i territori colpiti e delle politiche di prevenzione antisismica da mettere in campo la prossima settimana ci sarà una convocazione straordinaria dell’VIII Commissione Ambiente della Camera su richiesta del capogruppo Pd in Commissione Enrico Borghi e con l’accordo degli altri gruppi politici. I terremoti sono catastrofi naturali, ma bisogna adottare tutti gli strumenti disponibili di controllo, prevenzione e intervento per ridurre quanto più possibile le vittime e i danni. Per difendere i nostri beni più preziosi: i territori e le comunità. Lo dobbiamo anche a quanti hanno perso la vita in questa drammatica notte.

Vedi anche

Altri articoli