Cosa c’entra la Boschi?

Dal giornale
Un momento della protesta contro il decreto salva-banche mentre è in corso Leopolda 6, Firenze 13 dicembre 2015. 
ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI

La lettura della vicenda per quanto riguarda la posizione del ministro Maria Elena Boschi raramente segue linee di ragionevolezza, quanto meno nei talk show televisivi

Il dissesto di alcune piccole banche, piccole ma capaci di produrre gravi danni alle persone che in quelle banche hanno avuto fiducia, sta per essere sovrastato dalla lotta politica contro il Governo Renzi e il ministro Boschi, di cui le opposizioni chiedono le dimissioni con una mozione di sfiducia individuale. La lettura della vicenda – per quanto riguarda la posizione del ministro Maria Elena Boschi – raramente segue linee di ragionevolezza, quanto meno nei talk show televisivi. Tanto che le posizioni si dividono tra garantisti e giustizialisti, sul tema se in questo caso le colpe dei padri possano ricadere sulla figlia. Le colpe del signor Boschi padre non sono state ancora compiutamente dimostrate, quel che si sa è che agli inizi del 2015 gli amministratori della banca sono stati colpiti da sanzioni amministrative pecuniarie per violazione delle regole inerenti alla governance interna, ai controlli e alla trasparenza, compreso Pier Luigi Boschi per 144.000 euro. Dopo di che la banca in difficoltà è stata commissariata.

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli