Concepire figli senza madre: un bene o no, sta a noi scegliere

ControVerso
fecondazione assistita ricerca

La scienza ci sta dimostrando che la natura non contiene alcunché né di miracoloso né di misterioso

Un gruppo di ricercatori inglesi è riuscito a riprodurre in laboratorio dei topolini facendo a meno degli ovociti femminili. Usando al loro posto cellule della pelle, che contengono l’intero patrimonio genetico. Gameti maschili quindi da una parte e cellule della pelle dall’altra. L’accoppiamento, chiamiamolo così, avviene in laboratorio come già succede per la fecondazione in vitro.

Come al solito lo sviluppo di nuove tecnologie riproduttive solleva diverse questioni. Una tecnica di questo genere permetterebbe per esempio di concepire un bambino con due padri, fermo restando che, almeno per il momento, lo sviluppo dell’embrione dovrebbe avvenire sempre all’interno di un utero femminile. Il primo ordine di problemi ha a che fare con le conseguenze etiche e psicologiche.

Già l’utero in affitto ha sollevato una montagna di polemiche ed è vietato in Italia, il che non ha impedito ad alcune coppie gay, per esempio quella famosa formata da Niky Vendola e dal suo compagno, di utilizzare questa possibilità ammessa in altri Stati. In questo caso addirittura si potrebbe fare a meno della madre «genetica».

Alcuni, come Veronesi, ritengono la differenziazione sessuale, maschio e femmina, come transitoria e frutto di una fase specifica dell’evoluzione. Ma tranquillamente superabile visto che già in natura esistono sessi diversi da quelli canonici. Altri, diciamo più tradizionalisti, ritengono assolutamente contronatura partorire figli senza il tradizionale ricorso ad un padre e ad una madre.

Comunque la si pensi, resta un fatto che è a mio parere di gran lunga il più importante. La scienza ci sta dimostrando che la natura non contiene alcunché né di miracoloso né di misterioso. Essa è invece perfettamente conoscibile e i suoi meccanismi riproducibili. È solo questione di tempo e di mezzi impiegati. Gli dei imperscrutabili a cui ci affidavamo, pensando che ad essi andasse affidato il destino e la spiegazione di molte cose, si sono ritirati . Il che affida alla intelligenza umana, alla nostra specie, potere e responsabilità. Come al solito ne possono derivare benefici o rischi. Ma non abbiamo nessuno a cui rivolgerci per chiedere aiuto.

Vedi anche

Altri articoli