Cartoni animati davvero per tutti

MediaTelling
media-telling

La casa editrice Punti di vista, cooperativa formata da sole donne, ha creato una sceneggiatura con personaggi, testi e ambientazioni tali da rendere la storia animata fruibile da chiunque

Un bambino con disabilità sensoriali può seguire i cartoni animati in televisione? Come può trarne gioia? Con una felice intuizione una casa editrice, Punti di vista, cooperativa formata da sole donne ha creato una sceneggiatura con personaggi, testi e ambientazioni tali da rendere la storia animata fruibile da chiunque. Così è nato «Cartoon-Able», il primo cartone animato per bambini con disabilità. Il progetto è stato selezionato sulla piattaforma di crowdfunding di Telecom Italia. Così hanno potuto dare il via alla scalata verso la raccolta dei fondi necessari. Nei giorni scorsi sulla pagina creata su Facebook, è apparso l’annuncio: «Dopo 5 mesi, giorni, ore, minuti di intenso lavoro, più di 200 donatori, 5 testimonial, diversi partner, trasmissioni radiofoniche e televisive, decine di blog e riviste online e cartacee, centinaia di amici, vecchi e nuovi, ce l’abbiamo fatta. Sembrava impossibile raccogliere 52000 euro, eppure siamo arrivate a questo traguardo incredibile». Con i fondi raccolti saranno realizzati i primi 5 episodi e proposti in Dvd. I cinque episodi racconteranno le avventure di due bambini, «Lampadino e Caramella», ambientate nel «MagiRegno degli Zampa», un luogo incantato popolato da animali fatati, con il cagnolino, Zampacorta, che ha una zampina più corta delle altre, ma nessuno si accorge della sua disabilità. Con piccoli accorgimenti il cartone diventa fruibile da tutti: ogni episodio è sottotitolato, i dialoghi tra i personaggi sono tradotti nella lingua dei segni. La grafica è studiata per consentire agli ipovedenti di percepire il più possibile le immagini e i colori. Le scene sono semplici, con un sottofondo musicale non invasivo, per evitare che i bambini autistici si spaventino o disperdano in poco tempo l’attenzione. E ancora, una voce narrante fuori campo racconta ciò che accade per consentire a chi ha difficoltà visive di cogliere e immaginare le ambientazioni. La casa editrice si è avvalsa delle competenze di esperti in materia, della collaborazione con associazioni di categoria. La parte grafica è stata realizzata da una casa di animazione, Animundi, che ha sede negli studi di Cinecittà. CartoonAble sarà proposto alle emittenti televisive. Rai, se ci sei, batti un colpo.

Vedi anche

Altri articoli