Cara sinistra Pd, questo Pd può ancora contare su di voi?

Pd
Roberto Speranza (s) e Pier Luigi Bersani, durante la convention organizzata dalla Sinistra Dem al Teatro Vittoria di Roma, 12 dicembre 2015. ANSA/GIORGIO ONORATI

La minoranza non esce mai a difesa del leader del partito quando è attaccato dagli avversari

Vengo al dunque. E lo dico forte e chiaro. Cari Gianni, Pier Luigi, Roberto  e mi permetto di darvi del tu dato che siamo ” compagni ” di viaggio, giusto?

E vengo al punto: squallidi  individui appartenenti al M5S si permettono, ormai ogni giorno, di aggredire verbalmente il nostro segretario con epiteti a dir poco da oltraggio allo Stato. Nei dibattiti, sui social, persino ieri dal palco di Palermo. Sono amareggiata, sì. Ed impaurita.

Sono amareggiata perché nessuno di voi, appartenenti alla cosiddetta minoranza, esce mai pubblicamente a prendere le difese di chi ci rappresenta. No, proprio nessuno che abbia scritto parole di solidarietà ed a protezione di quella politica di cui fate parte. A voi pare importi ben poco l’avanzare di simili personaggi che persino il mondo dello spettacolo ha finito per emarginare, tanto che si sono dovuti trovare altro palcoscenico. Personaggi altamente pericolosi, lo abbiamo ben visto.

L’aggressione alla stampa ha una matrice che ricordiamo bene appartenere ai tempi “dell’olio di ricino” ed alle “veline” da tenere ben nascoste. Nulla, la desolazione. Non si comprende il motivo di tanta indifferenza. Così facendo questo nostro partito finirà per indebolirsi  ulteriormente con danni che già vediamo. Mi chiedo, e non sono sola ma parlo a nome di molti, perché questo ostracismo per un Segretario che non sarà perfetto, ma che lo è perché ha vinto le primarie, perché è stato ampiamente votato. E non si può certo negare che stia lottando contro tutti per un futuro diverso. Voi, avete fatto altrettanto ? Domanda. Anzi, domandona alla quale mi aspetto risposta.

Ho detto che sono anche impaurita. Si, e tanto. Perché alcuni atteggiamenti, visti e rivisti, della due giorni di Palermo mi hanno riportato alla luce passaggi storici che certo, tutti noi almeno, non vorremmo tornare a vivere. Zero programmi, solo grandi NO a tutto, obbiettivi unici quelli di ” prendere” le città per “prendere” l’ Italia. Colpa nostra? Ebbene si. Colpa nostra, ma sopratutto di una sinistra che per vent’anni ha lottato contro Berlusconi, si è seduta nella illusione della sua inesauribile forza, e non si è data quella marcia in più, necessaria.

Lo dico senza fanatismo, lucida e consapevole : se oggi ce un Renzi è perchè i predecessori hanno fallito. Gli spazi si prendono quando sono liberi, lo dice la fisica, non io. Abbiamo almeno la compiacenza e la severità per dirlo, almeno a noi stessi. Piaccia o meno, legittimo pure questo. Così è. Se davvero avete ancora un briciola di sentimento verso il nostro partito iniziamo a dare l’esempio di unità e correttezza.

“Loro” avanzano perchè “Noi” lo permettiamo, ogni giorno con un comportamento poco affine ad un partito di centro sinistra. La “guerra” a Renzi potrete farla al Congresso, semmai, ciò che oggi è urgente ed importante è unirsi per far vincere il SI. Questo darà al Pd una grande forza e permetterà, attraverso il governo, di dare quelle risposte che i cittadini aspettano da sempre. Perché gettare la spugna e permettere l’avanzata degli sfaccendati, “nulla sapienti” e “nulla pensanti “, quando si può dialogare e trovare punti di raccordo da cui ripartire ?

Cari tutti, quindi, io sono una semplice militante che ha costruito un pezzettino di questo bellissimo partito di cui vorrei continuare a far parte. Perché, indipendentemente da come andranno alcune cose, probabile che, come tanti altri ( e sono tanti davvero!) uscirò, delusa da chi non ha saputo portare avanti, ben alta, la bandiera che contiene i tre colori della nostra Italia: il bianco, rosso e verde del nostro simbolo, rappresentativo di un bene comune, il nostro bellissimo Paese.

La gente, talvolta, vota di rabbia. Ciò che vi chiedo, umilmente, è questo: non tradiamo il nostro progetto. Non permettiamo un maggiore spazio ad ex comici cabarettisti, offensivi e pericolosi. Avete visto come la nostra capitale sia divenuta il capro espiatorio di una mala politica che abbiamo ereditato dalla destra, e dimostrato non aver saputo ribaltare. Incapacità? Mancanza di maggiori visioni ?  Non sta a me giudicare, ma il Pd deve fare necessariamente analisi e dopo i correttivi necessari. Altrimenti, ciò che è stato, lo sarà per molte altre città che andranno al rinnovo Amministrativo il prossimo anno. Se arriveremo a tali appuntamenti con il partito spaccato ed astioso, perderemo. È scontato. Ed altre forze politiche gioiranno. Ne abbiamo passate tante, anche peggiori in passato. Siamo in grado di farcela ma per questo è importantissimo che ci sia una svolta.

Quando si arriva a picchiare chi fa informazione, mentre una sindaca balla sorridente ed indisturbata,  si dimostra chi si è veramente. Ci proviamo? Possiamo contare su di voi? Ci spero. Un abbraccio.

Vedi anche

Altri articoli