Buon lavoro, Leopolda

ControVerso
"E adesso il futuro". E' questo lo slogan scelto per la Leopolda che si terrà da domani, 4 novembre, a domenica 6 novembre a Firenze. Il titolo della kermesse renziana, giunta ormai alla settima edizione, compare sul sito dell'iniziativa, dove vengono raccolti contributi e adesioni. La scritta, in bianco, è incisa su uno sfondo fatto di pennellate di colore azzurro. In alto e in basso, a far da cornice, due pennellate rosse. ANSA/ leopoldastazione - EDITORIAL USE ONLY

La Leopolda un po’ rimane movimento, un po’ è diventata un’istituzione

La prima Leopolda non l’ho frequentata, non per mancanza di curiosità, ma perché mi sembrava fuori luogo intrufolarmi nello spazio dei rottamatori, strizzando l’occhio e ammiccando. Appartengo a un’altra generazione politica, che onestamente non ha dato grandissima prova di sé. Ha lasciato lo spazio pubblico di questo Paese in condizioni peggiori di quelle che aveva ricevuto in eredità. Punto.

È il caso che si faccia un po’ da parte, limitandosi, solo se richiesti, a qualche buon consiglio. Il primo dei quali lo darei ai miei coetanei, noti e meno noti, che non vogliono prendere atto né dei loro fallimenti né del fatto che i tempi sono cambiati. Come riservisti forse possiamo essere utili, ma per la prima linea «manca il fisico», come dice spesso Bersani. Che però non si ascolta. Successivamente, quando le cose si sono assestate, ci sono stato. Non so quanti dei frequentatori della Leopolda siano iscritti al Pd e quanti iscritti al Pd frequentino la Leopolda.

Spero tanti, ma non ne sono sicuro. So per certo che ho visto lì una quantità di energia di cui si era persa traccia negli stanchi riti della sinistra. Si dicono anche diverse fesserie, ma almeno con la scusante del principiante, che cerca di prendere le misure al mondo. E onestamente non tante di più di quelle dette nelle nostre sezioni in epoche ormai lontane. Molti di quei ragazzi o ex ragazzi hanno oggi grandi responsabilità e la Leopolda un po’ rimane movimento, un po’ è diventata un’istituzione. Un passaggio sempre difficile. Buon lavoro.

Vedi anche

Altri articoli