Buon compleanno Pd, hai ancora tante sfide davanti a te

Pd
Partito-Democratico-Bandiere

L’augurio che non si perdano mai unità, voglia di cambiare, forza riformista, fede nell’uguaglianza.

Nove anni fa, con una bellissima giornata di partecipazione popolare, nasceva il Partito Democratico.

Più di 3 milioni 500 mila persone affollarono i gazebo per portare dentro il nuovo partito energie, storie, passioni e speranze. Donne e uomini con esperienza politica alle spalle, insieme a tante e tanti, giovani e adulti, al primo impegno politico, si ritrovarono comunità, mostrando da subito quale fosse la principale forza del PD.

Da allora siamo l’unico partito italiano che ha sempre tenuto aperta la propria casa, chiamando militanti, iscritti ed elettori a determinare la scelta dei leader e contribuire alle priorità politiche. E siamo l’unico partito italiano che ha regole davvero democratiche, confronto interno, pluralismo.

Il PD nasceva per portare il centrosinistra, a oltre 10 anni dall’esperienza dell’Ulivo, a presentarsi unito davanti alle sfide del governo di una società complessa e in veloce cambiamento.

Con il PD abbiamo scelto di abbandonare recinti del passato, abitudini di pensiero e di azione cristalizzate e non più adeguate ad interpretare il mondo contemporaneo, appartenenze precedenti, che ciascuno di noi porta con sé ma che abbiamo messo in secondo piano rispetto alla nuova casa comune. Abbiamo conservato valori e idealità e cercato strade e strumenti nuovi per realizzarli, convinti di dover innovare noi stessi e la nostra capacità cambiare in meglio l’Italia.

Siamo nati per costruire il futuro, convinti di poter aprire le nostre stesse storie ad una rappresentanza rinnovata, più ampia, più solida nell’ancoraggio alla vita quotidiana di donne e uomini, più fluida nelle modalità organizzative e di partecipazione, più forte nei valori unitari che muovono la nostra azione. Ci ha ispirato e ci ispira quella vocazione maggioritaria che deve caratterizzare l’ambizione di una forza democratica, progressista, riformista e di sinistra: saper meglio di altri interpretare i bisogni della società, guidarli nella condivisione delle risposte, costruire una proposta di governo convincente e capace di migliorare la qualità della vita, unendo dinamismo e equità, benessere e uguaglianza.

In questi 9 anni il PD ha attraversato vittorie e sconfitte, discussioni e polemiche, cambi di leadership e strategie parlamentari, subendo qualche abbandono e accogliendo tante e tanti che hanno creduto in noi. Sempre abbiamo conservato lo spirito unitario, le lealtà, la consapevolezza della funzione storica con cui siamo nati, la responsabilità che ci porta a mettere sempre davanti il bene del paese e delle persone rispetto a convinzioni e interessi di parte.

Come capita a tutti i grandi partiti, quelli che non si limitano ad una stagione, che non cavalcano solo l’onda emotiva dell’opinione pubblica, che non dipendono da leadership demagogiche, le sfide per cui siamo nati sono ancora davanti a noi. Le ragioni e il senso dello stare insieme sono ancora più forti oggi che 9 anni fa. I problemi del Paese richiedono ancora l’impegno di tutte e tutti noi.

Buon compleanno allora PD, con l’augurio che non si perdano mai unità, voglia di cambiare, forza riformista, fede nell’uguaglianza.

Vedi anche

Altri articoli