Benvenuto a Diego Piacentini, insieme per l’Italia digitale

Governo
diego_piacentini-672

A palazzo Chigi il nuovo manager digitale per dare impulso al progetto di innovazione

Ieri abbiamo annunciato Diego Piacentini come nuovo manager digitale del Paese, una scelta che il Governo ha a lungo preparato e che rappresenta un passo avanti fondamentale nel processo d’innovazione del Paese. Un percorso iniziato con il viaggio che abbiamo fatto nella Silicon Valley con il Presidente Matteo Renzi, un evento di cui oggi l’arrivo di Piacentini, previsto a partire dalla prossima estate, rappresenta uno dei frutti più importanti.Che un professionista con la storia aziendale di Diego Piacentini scelga di condividere la sfida del nostro Governo di trasformare l’Italia in un autentico Paese digitale è, oltre che qualcosa di cui essere fieri e per la quale essergli grati, anche una conferma importante rispetto a quanto, anche all’estero, venga apprezzato e percepito l’impegno del Governo in tema di innovazione, crescita e trasformazione delle nervature digitali dell’Italia.Abbiamo lavorato al progetto seguendo la logica della semplicità per un ecosistema innovativo a prova di futuro.
È il momento di passare ad una fase più operativa, al livello immediatamente successivo rispetto al disegno di una nuova architettura capace di favorire innovazione e crescita digitale. E ci sono tutte le condizioni ed i presupposti perché avvenga davvero, questo ci aspettiamo da lui. Un passaggio che risponde alla domanda che in tanti ci pongono da mesi, da riassumere più o meno così: “Il progetto è molto bello, disegnato su dinamiche chiare. Non esisteva una visione di futuro così coerente, ora c’è. Come realizzarlo?”

Accrescere l’impegno è necessario per un grande Paese come l’Italia e Diego Piacentini avrà il compito di potenziare un ecosistema digitale che è e deve rimanere decentralizzato, ma con un linguaggio e un sistema di funzionamento coerente. Non uniforme ma che parla in maniera coordinata la lingua del domani e proprio per questo necessita
di una figura in grado di far convivere nel modo più efficiente possibile tutte le parti. Saremo assieme e andremo a un ritmo sempre più incalzante. Benvenuto a bordo, Diego, ti aspettiamo con la voglia e l’energia di continuare a
costruire insieme il futuro del Paese digitale.

Vedi anche

Altri articoli