Al via domani l’Autumn School di FutureDem, per i costruttori di futuro

Politica
CostruttoriFuturo-FUTUREDEM-copertina

Politici, studenti, lavoratori, startupper e diversi amministratori locali ospiti dell’appuntamento di formazione di Milano

In un momento in cui troppo spesso vediamo protagonista solo la distruzione, che è oramai entrata prepotentemente nella nostra quotidianità, noi FutureDem vogliamo scommettere sulla costruzione. Ecco perché si chiama #CostruttoridiFuturo la prima Autumn School di FutureDem, associazione politico-culturale, costituita da centinaia di giovani progressisti, che si identificano nei valori di una sinistra europeista, liberale e riformista, e che con la loro passione politica e l’impegno pubblico vogliono cambiare il mondo a partire dalle loro realtà.

La scuola partirà domani nel cuore di Milano, presso l’Ambrosianeum (in via delle Ore 3, a due passi dal Duomo), per proseguire fino a domenica 29 in vari luoghi della città: si tratta di un importante appuntamento per parlare di città moderne, economie del futuro, immigrazione, mobilità condivisa e sostenibile, futuro della sinistra, cervelli in fuga, ruolo delle lobby nelle democrazie, governance e partecipazione, riforme e cultura. Sono questi alcuni dei temi che verranno affrontati nella tre giorni FutureDem nella città che in questi mesi ha visto il successo dell’Expo 2015, un punto di partenza fondamentale per un più generale rilancio dell’Italia.

A Milano ci ritroveremo insieme a personaggi di spicco del panorama politico italiano, giovani studenti, lavoratori, startupper e diversi amministratori locali per lanciare la nostra idea di politica, basata su formazione e apprendimento continui, per costruire, mattone dopo mattone, la classe dirigente del futuro. Crediamo che responsabilità e conoscenza approfondita dei problemi siano elementi necessari per soluzioni veramente efficaci: per questo tratteremo temi di particolare attualità che abbiano prospettive di ricaduta sul medio-lungo periodo. La costruzione del futuro – non manca mai di ricordare il presidente Giulio Del Balzo – parte da oggi e parte anche e soprattutto da un gruppo di giovani, che organizza eventi di formazione in maniera indipendente, completamente autofinanziata, realizzando elaborazione politica, proponendo nuove soluzioni amministrative e mettendo in rete le buone pratiche ideate dai propri soci.

La autumn school di FutureDem per la vicepresidente Francesca Bonomo, rappresenta un ulteriore momento di riflessione e di consolidamento di un percorso di cultura e formazione politica che prosegue da diversi anni ed è estremamente raro nel nostro Paese. La scelta di Milano come città ospitante ha un grande significato: sul piano simbolico. L’eredità del post-Expo e il posizionamento come polo d’innovazione, scienza e ricerca italiano con il piano presentato dal presidente Renzi nei giorni scorsi, così come la neonata partnership turistica tra la città e New York, la pone ancora di più sotto i riflettori e gli oltre 20 milioni di visitatori che l’hanno attraversata in questi mesi la rendono emblema della capacità di confronto ed interscambio tra culture, conoscenze, sensibilità ed idee. Tutte attitudini che i giovani Costruttori di Futuro devono imparare a coltivare…

L’appuntamento, quindi, è per domani, alle 18, con gli interventi del segretario del Pd Milano, Pietro Bussolati, del presidente FutureDem, Giulio del Balzo, e della vicepresidente, Francesca Bonomo. Tra i panel: l’intervista del direttore del Foglio, Claudio Cerasa, al sottosegretario Luca Lotti, il confronto tra i sindaci Giorgio Gori e Federico Pizzarotti e il dibattito conclusivo con il capogruppo Pd alla Camera, Ettore Rosato, Marco di Maio e il vicesegretario nazionale dei Giovani democratici, Davide Ragone.

Vedi anche

Altri articoli