Marino dice “Rifletto”, il Fatto titola “Si candida”

Il Fattone
Il Sindaco di Roma Ignazio Marino durante l'intervista concessa al programma televisivo 'Piazzapulita' su La7, Roma, 1° ottobre 2015. 
ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

Come si forza un titolo, quando serve

Ignazio Marino rompe gli indugi e dalla prima pagina del Fatto annuncia solennemente: “Mi ricandido, dopo di me risorge il partito degli affari”. Perbacco, questa sì che è una notizia: non è mica un’indiscrezione, una voce, una speranza, niente affatto, è proprio una notizia con tanto di virgolettato dell’ex sindaco.

Corriamo a pagina 11 a leggere la storica intervista, e lo storico annuncio si fa già più incerto, più nebuloso, più probabilistico, per lasciare il posto ad un’altra notizia, non meno clamorosa e decisamente più grave. Il titolo interno infatti recita così: “Marino: ‘Pronto a ricandidarmi, ma Renzi vuole rinviare le urne’”.

Dunque, ricapitolando: in prima un titolo del Fatto attribuisce a Marino la decisione di ricandidarsi; a pagina 11, in un altro titolo, Marino si limita a dichiararsi “pronto”; in compenso dichiara che il presidente del Consiglio non intende far votare i romani.

Ma anche questo non è vero: nell’intervista, infatti, l’ex sindaco si limita ad un’affermazione generica che somiglia più ad uno sfogo: “Con la scusa del Giubileo proveranno anche a rinviare il voto di un anno”. Chi, quando, come? “Vedremo…”, si limita a sussurrare Marino.

E la sua candidatura? Anche su questo punto – il cuore dell’intervista, secondo il titolo che il Fatto le dedica in prima pagina – le cose stanno in un altro modo. Non soltanto Marino non dice di volersi candidare: non dice nemmeno di essere “pronto”. “Si ricandida alle primarie?”, gli chiede il giornalista. E Marino, testualmente, risponde: “Rifletto”. L’intervistatore torna all’attacco e Marino, testualmente, ripete: “Me lo può chiedere altre dieci volte ma la risposta sarà sempre la stessa: rifletto”.

E tuttavia, a quanto pare, neppure dieci risposte identiche sono bastate al Fatto per capire la posizione di Marino: nelle interviste al giornale di Travaglio contano le domande, quel che rispondi è un optional.

Vedi anche

Altri articoli