Acqua e logica: istruzioni per l’uso

ControVerso
00001663

Ragionare, capire ed essere logici non interessa a nessuno. L’importante è dare addosso a qualcuno

Trasmissione televisiva sull’acqua pubblica e privata. Si mostrano bollette con varie cifre e tutti a ripetere «ma quanto sono care!». Nessuno che domandi «ma quelle cifre a quale consumo corrispondono?». Finalmente riesco a mettere gli occhi su una bolletta . 450 euro per circa 470 metri cubi d’acqua. A parte che per consumare ben più di 1 metro cubo al giorno, 1.000 litri, bisogna darsi molto da fare, comunque il prezzo, tasse incluse, è di 0,001 euro al litro. Acqua pulita, trasportata e consegnata a domicilio senza fatica, alla pressione giusta, poi scaricata in fogna e infine depurata. Per 0,001 euro al litro.

Poi naturalmente salta fuori che gli italiani sono fra i primi consumatori al mondo di acqua minerale, che costa ben più di 0,001 euro al litro. Contraddizioni in seno al popolo. Poi gli stessi che dicono che costa troppo dicono anche che bisogna consumare meno acqua perché è una risorsa preziosa, c’è il riscaldamento globale, ecc. ecc. Ma se fosse gratis, come praticamente alcuni chiedono, quale sarebbe l’incentivo a risparmiarla? Se è cosi preziosa, l’oro blu come viene chiamata, dovrebbe costare un botto, cosi da renderci assai prudenti nel consumarla. Mi sembra logico, ma capisco che la logica non è di casa.

Poi arriva il cuoco famoso e dice che quando fa bollire l’acqua del rubinetto nella pentola rimangono i sali. Gli chiedo se ha mai provato a far bollire l’acqua minerale che si chiama minerale, perché ci sono dentro i sali minerali, che servono al nostro organismo. Mi guarda attonito e capisco che un conto è cucinare e un altro è ragionare. Ma capisco anche che ragionare, capire ed essere logici non interessa a nessuno. L’importante a dare addosso a qualcuno. Capita anche di darsi la zappa sui piedi, ma l’importante è che l’obiettivo, dare addosso, sia raggiunto.

Vedi anche

Altri articoli