A mente fredda io dico che…

Unioni civili
Paola Concia durante la sesta edizione della convention fiorentina alla stazione della Leopolda, Firenze, 12 dicembre 2015.
ANSA/MAURIZIO DEGL INNOCENTI

Tra un po’ arriverà il tempo della vita vera quella che ci metterà di fronte alla realtà che è cambiata

1) Per mesi ho detto che l’avere identificato questa legge con la stepchild adoption (e averle dato questo maledetto nome che ciascuno ha potuto interpretate a modo suo) senza parlare mai di tutte le cose che conteneva e che sono una rivoluzione per chi è senza diritti è stato un gravissimo errore politico e di comunicazione. Alcuni e alcune lo hanno fatto coscientemente avvelenando i pozzi con la storia della “maternità surrogata” (gli integralisti cattolici, alcune femministe, i cattodem, la stampa italiana), con il risultato che ovviamente tanta gente pensa che non ci sia nulla nella legge. Non è così. È come la legge tedesca (di cui usufruisco da quasi cinque anni), solo che i tedeschi per avere quello che abbiamo oggi noi italiani ci hanno impiegato 15 anni ed è avvenuto solo grazie alla mitica Corte costituzionale tedesca. Noi lo abbiamo fatto per legge, ristabilendo la regola che il parlamento fa le leggi e i giudici le applicano.

2) La legge è la stessa del testo Cirinnà senza la stepchild, perché vi indignate tanto adesso quando prima non aspettavate altro che vederla approvata? Perché ora non vedete quello che vedevate e condividevate prima?

3) Non c’è la stepchild, e questo è il problema. I deputati e senatori invece di piangersi addosso si sbrigassero a reintrodurla con una norma a parte. Forza, veloci e poche chiacchiere!

Nel frattempo le famiglie arcobaleno si unissero civilmente e facessero subito richiesta di adozione, esiste il comma 20 della legge che vi aiuterà. Andrà in porto. Ma la norma ci vuole, ovviamente.

4) Ci sono due aspetti che rendono questa legge migliore del matrimonio eterosessuale, che paradossalmente rende quest’ultimo desueto, non più al passo con i tempi. A) “l’obbligo di fedeltà” una norma ridicola che per fortuna non è contenuta in questa legge e questo permetterà di toglierla anche dal matrimonio etero. B) Non c’è l’istituto della separazione: e vivaddio, a sinistra abbiamo lottato molto per toglierlo, non ci siamo riusciti (infatti gli etero ce l’hanno). In tre mesi si può sciogliere l’unione civile, come nei paesi civili, con grande invidia degli eterosessuali.

Questa legge modificherà molte cose del diritto di famiglia, statene certi. Gli omosessuali hanno portato il paese avanti. Ci ringrazierete.

Questo è quello che è. A mente fredda se ne accorgeranno tutti. Adesso è il tempo della protesta (legittima per carità), tra un po’ arriverà il tempo della vita vera quella che ci/vi metterà di fronte alla realtà che è cambiata. E molti e molte diranno: “però, in effetti!”.

C’è sempre qualcuno che deve dire la verità che nessuno vuole sentirsi dire, per tante ragioni. Lo faccio volentieri, e vorrò bene lo stesso a chi continuerà ad insultarmi.

Vedi anche

Altri articoli