Teresa Bellanova spiega l’effetto Puglia, dove il Pd vince

Ballottaggi
5_BELLANOVA_U

“A Taranto è stato premiato il lavoro del governo Renzi”. L’analisi della viceministro.

Effetto Puglia sui ballottaggi. Il centrosinistra vince praticamente ovunque. A Taranto, la difficile città dell’Ilva e a Lecce, espugnata dopo 22 anni di governo del centrodestra. Teresa Bellanova, viceministro allo Sviluppo economico, brindisina doc, tessera del Pci a 14 anni, bracciante agricola prima e sindacalista poi, unisce i punti estremi della coalizione ideale del centrosinistra nella sua storia: saldo profilo di sinistra e una potente vena riformista. E’ diventata “la donna che risolve i problemi” e in effetti di vertenze aziendali con epifanie viste all’alba ne ha viste tante.

In Puglia c’è un risultato sopra le attese, come lo spiega?

A Taranto è stato premiato il lavoro del governo di questi anni: è stata la città che ha visto due volte Renzi Premier a confrontarsi con i problemi. C’è stata una modalità nuova di affrontare la crisi della più grande acciaieria d’Italia e della seconda d’Europa: coniugare il rispetto dell’ambiente e la tutela del lavoro è stata una pratica vincente, che ha saputo sconfiggere i populismi. Hanno premiato le risposte che siamo riusciti a dare, sono usciti sconfitti coloro che hanno pensato di scommettere sulla paura e sulla delegittimazione.

Taranto era una piazza difficilissima.

Taranto è una città bellissima, che va valorizzata in ognuna delle sue sfaccettature. Così abbiamo fatto: abbiamo rilanciato l’industria dell’acciaio, ma anche la città della cultura, con il museo Marta e il porto. Fin qui sono stati usati due linguaggi, quello della piazza, del malcontento, e quello dei Riva: noi li abbiamo uniti,dimostrando che si può cambiare, tenendo tutto insieme.

Tenere tutto insieme sembra la parola magica per il Pd, adesso.

Certo che non si può stare insieme senza avere progetti e idee in comune. Il miglior modello è il lavoro, il suo metodo: presentarsi uniti senza programmi chiari non serve e non servono le scatole vuote delle coalizioni senza una base solida di unità. Il Pd non è andato benissimo a questa tornata di elezioni amministrative ma c’è una netta prevalenza di centrosinistra nei comuni italiani, coloro che hanno ricette semplificate farebbero bene a riflettere, a partire da chi non ha saputo ricostruire. Parlo per me e per tutti gli altri: le vittorie e le sconfitte appartengono a una comunità. Chi si tira fuori avrebbe dovuto pensare invece a fare il suo sul territorio.

Pensa a qualcuno in particolare?

Penso a chi diceva che Lecce al primo turno ha registrato il peggior risultato di sempre…

L’ha detta Emiliano questa.

A Lecce è stato fatto un capolavoro: già portare al ballottaggio il centrodestra era un ottimo segnale, ma in questi giorni tutti abbiamo dato il massimo. E’ stata determinante la capacità di costruire un lavoro casa per casa, una vera festa di popolo. Poi , a cose fatte, qualcuno che ci mette il cappello c’è sempre…

 

 

card_nuova

Vedi anche

Altri articoli