Quarto, Capacchione: “Il Viminale vigili per difendere la legalità”

Legalità
alloggi_popolari_01

L’interrogazione su ciò che sta succedendo nel comune in provincia di Napoli

Un’interrogazione parlamentare per far luce su quanto sta succedendo a Quarto, comune del napoletano amministrato dal sindaco M5S Rosa Capuozzo. A firmare la richiesta alcuni parlamentari tra cui Rosaria Capacchione, senatrice del Partito Democratico.  L’interrogazione a risposta scritta, inviata al ministro dell’Interno, chiede quali iniziative verranno intraprese per verificare le notizie di stampa pubblicate sull’affidamento del servizio di tipografia comunale al marito del sindaco, le minacce del primo cittadino ad un consigliere di opposizione e un presunto abuso edilizio che coinvolgerebbe la fascia tricolore.

Rosaria Capacchione, come inquadra ciò che succede a Quarto?  

“Innanzitutto è bene ricordare cosa è già successo in questo territorio. Questo è un comune sciolto per ben due volte per infiltrazione camorristica, prima nel 1992 poi nel 2013. Il comune è stato oggetto di un’indagine della Direzione Distrettuale antimafia di Napoli sulle attività criminali del clan Polverino-Nuvoletta e del condizionamento dello stesso sulle scelte urbanistiche”.

Cosa la preoccupa maggiormente di ciò che è emerso?

“Mi preoccupa molto la revoca fatta dalla giunta comunale, dopo la vittoria del sindaco Capuozzo, della proposta preliminare del piano urbanistico comunale presentata dalla commissione straordinaria, quella intervenuta dopo lo scioglimento. Una delibera commissariale con delle osservazione dal punto di vista urbanistico che non capisco perché non siano state recepite”.

Perchè, secondo lei, è questo il cuore della questione?

“Perché a Quarto non si è mai fatto un piano regolatore e, in questo quadro, la criminalità organizzata ha perpetrato forme di condizionamento degli amministratori stessi ad opera della potente organizzazione camorristica facente capo al noto Lorenzo Nuvoletta, uno dei tre camorristi che fanno capo alla cupola di Cosa Nostra. Per questo Quarto si è sviluppato con un’altissima percentuale di abusivismo edilizio e con la compromissione della rete idrica comunale a causa degli allacciamenti di frodo”.

Quindi, cosa chiedete?

“Io e i colleghi Peppe De Cristoforo, Valeria Cardinali, Claudio Moscardelli, Camilla Fabbri, Stefano Vaccari, Pamela Orrù chiediamo che venga attivata la vigilanza del ministero dell’Interno prevista per legge. Una vigilanza necessaria per fare chiarezza e difendere la legalità”.

 

Vedi anche

Altri articoli