Pittella: “Paghiamo gli errori di Bush. Ora alleanza con Russia e Iran”

Parigi
20150708_pittella_europarl_U

Gianni Pittella, presidente dei socialisti e democratici europei: in Siria prima va battuto l’Isis. Sui barconi non ci sono terroristi, l’Europa non si chiuda

Gli attentati di Parigi sono «un atto di guerra ispirato dall’esterno», ma non dobbiamo «lasciarci tentare dalla strumentalizzazione a fini elettorali» perché «le risposte sbagliate si pagano» e quello che stiamo pagando oggi è il prezzo della «guerra inutile, pretestuosa, sbagliata dell’amministrazione Bush in Iraq». Lo ha dichiarato il presidente del Gruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento europeo, Gianni Pittella. Ora, ha spiegato a l’Unità l’eurodeputato Pd, serve «un’ampia alleanza che coinvolga Russia, Usa, Iran e Lega araba per agire in Siria» e sconfiggere l’Isis.

Dopo gli attacchi al giornale Charlie Hebdo la Francia è stata di nuovo colpita dagli attacchi terroristici. Come ha reagito alla notizia?
«Ho avuto paura. Una paura che si è unita subito a rabbia, perché non ci sono giustificazioni politiche, umane o religiose per un tale orrore. Poi ha prevalso la lucida ragione: è un atto di guerra ispirato dall’esterno e realizzato da persone che vivono in mezzo a noi, nati molto probabilmente come noi in Europa ma convertiti al terrorismo islamico. Solidarietà al popolo francese quindi e al Presidente Hollande».

 

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli