Niente è impossibile. Bebe Vio, l’oro paralimpico del fioretto ci racconta “come fare la differenza”

Sport
12046982_889316774471562_3217865596045882658_n-2

Intervista all’atleta azzurra paralimpica Bebe Vio che in Ungheria ha conquistato l’oro mondiale nel fioretto e staccato il pass per le olimpiadi di Rio de Janeiro.

Non ci crede ancora Beatrice Vio, detta Bebe, che a 18 anni si porta a casa il primo titolo iridato di fioretto femminile paralimpico. L’azzurra,  dopo aver bissato l’oro europeo conquistato nel 2014 a Strasburgo, ha ottenuto la qualificazione anticipata per Rio 2016. Un incredibile esempio di forza e caparbietà che porta l’atleta di Mogliano Veneto sulla vetta del Mondo.

Bebe ha battuto la padrona di casa, l’ungherese Gyongyi Dani, sconfitta col fantastico punteggio di 15-4. Il coraggio di mettersi in gioco e non arrendersi mai che si incarna in talento, quello nella scherma.

Beatrice, infatti, a soli 18 anni ha una vita che sembra uscita fuori da un romanzo. Una storia che ha raccontato nel libro “Mi hanno regalato un sogno. Ora anche la medaglia d’oro simbolo della filosofia del “niente è impossibile”. Bebe è riuscita ad essere campionessa del mondo, ma la sua forza interiore nasce soprattutto quando ha dovuto affrontare l’ostacolo più grande. Infatti ad 11 anni,  a seguito di una meningite acuta,  le sono stati amputati gli avambracci e le gambe, sotto le ginocchia.

 

Bebe come ti senti dopo questa vittoria?

“Non mi sembra vero di aver raggiunto questo risultato. Mi piace un sacco l’idea di essere sul tetto del mondo, ma finché non torno a casa credo che non riuscirò ad essere pienamente consapevole di quello che è successo.”

La partita è finita 15-4. Come è stato possibile un risultato del genere? 

“La verità è che ad un certo punto io pensavo che fossimo pari e ho tirato fuori tutta la grinta che avevo dentro. Ad ogni stoccata lanciavo un urlo, solo alla fine mi sono resa conto del punteggio.”

Qual’è stato il messaggio e o il commento più bello che hai ricevuto?

Il messaggio vocale della mia cuginetta.  Ciao Bebe! Fammi indovinare un po’?Hai vinto un altra gara di scherma. Ecco con quello mi sono commossa. Poi, sicuramente la presenza dei miei genitori. Nella semifinale mi faceva un po’ male il braccio e c’era il viso preoccupato di mia madre, ma il mio stress era che gli altri fossero in pensiero per me. Per il resto pensavo solo a tirare”

Come fai a conciliare sport, studio, amicizie?

“Non è impossibile. Certo la vita sociale sta avendo un piccolo calo, ma ho ricevuto una valanga di messaggi da parte degli amici che mi aspettano per festeggiare”.

Cosa ti senti di dire a chi vive un momento difficile?

“A chi vive un momento di difficoltà dico di fare sport e impegnarsi la giornata. Più cose fai meglio è. Inoltre aiuta anche fare qualcosa per gli altri: se con questa intervista posso essere di aiuto a qualcuno, che sia disabile o non, questo rappresenta per me la differenza. Bisogna sempre reagire. O come dico io darsi una svegliata.”

Vedi anche

Altri articoli