L’imam Pallavicini: “Islamizzazione dell’Europa? Chi lo dice ha un’idea imperialista”

Immigrazione

Secondo appuntamento del nostro dialogo con i rappresentanti delle diverse fedi sul tema dell’accoglienza

Yahyâ Sergio Yahe Pallavicini ci ha ricevuto nella sua abitazione romana, insieme alla sua famiglia. È il vicepresidente della Comunità religiosa islamica italiana e imam della moschea al-Waid di Milano ed è considerato uno dei punti di riferimento del mondo islamico nel nostro Paese. Con lui abbiamo voluto proseguire il nostro approfondimento sul concetto di accoglienza visto dalle diverse religioni, dopo l’intervista pubblicata la scorsa settimana al rabbino Riccardo Di Segni.

Il suo tono pacato non nasconde l’impatto delle sue parole, soprattutto quando condanna il fondamentalismo islamico, che vede nell’Isis l’espressione di massimo rischio in questa fase, ma anche quando respinge il rischio di una islamizzazione dell’Europa. Accanto alla corruzione, Pallavicini invita a contrastare l’ingenuità di chi ancora crede che non siano possibili fenomeni già visti nel secolo scorso: “In tutta Europa – avverte – c’è una minoranza di persone che in maniera irrazionale vuole far prevalere il proprio io, facendo credere di esaltare invece l’identità nazionale”. Da qui la xenofobia può rinascere e imporsi.

 

Riprese Filippo Bonifazi

Montaggio Massimo Caliendo

Vedi anche

Altri articoli