“Le porte dei circoli devono essere sempre aperte alle persone”. Intervista a Anna Tamborrino

Pd
bari1

Parla la segretaria del Pd Bari: “La politica ha il compito di cambiare le cose”

Anna Tamborrino 42 anni, è mamma ingegnere e segretaria cittadina del Pd della città di Bari. Passione da vendere e sorriso enorme. Quando parla del Pd le si illuminano gli occhi anche se – confessa – il momento non è proprio semplice, la disaffezione dei cittadini si fa sentire. “Ma non molliamo, noi ce la mettiamo tutta. La funzione dei circoli resta fondamentale, siamo un partito radicato sul territorio e chi come me ha questo compito deve essere consapevole della responsabilità che ha”.

Come si risponde allora a questa disaffezione?

“L’ascolto è la prima regola. Le nostre porte devono restare aperte davanti alle problematiche che i cittadini manifestano, la perdita di lavoro, la ricerca di un alloggio popolare. All’ascolto deve corrispondere l’azione. La politica ha il compito di cambiare le cose e questo governo ha messo in campo tanti provvedimenti volti in questa direzione. Non ultima la quattordicesima per le pensioni minime”.

Si parla di politica e comunicazione, qual è la ricetta?

“Ma intanto dovremmo incominciare a raccontare quello che si fa con la consapevolezza esatta di quello che si è fatto. La formazione gioca un ruolo fondamentale. Non di rado ci capita di incontrare anche nostri dirigenti che non hanno compreso appieno lo sforzo enorme messo in campo in questi anni. Questa è la nostra occasione di dimostrare che non siamo tutti uguali. Poi possiamo scegliere di andare porta per porta o stare sui social, ma abbiamo un compito preciso raccontare com’è cambiato il Paese. Perché il paese è cambiato e a dirlo non siamo solo noi del Pd, ce lo confermano ogni giorno i dati”.

Perché questo racconto non passa secondo lei?

“Perché a fare breccia sono sempre le polemiche mai la visione dei provvedimenti. E a questo circolo vizioso contribuisce anche la minoranza. Non si può sempre dire no a tutti. Questo contrasto perenne lo viviamo anche sui territori dove si è più facile mediare, ma davvero non si può discutere eternamente su tutto. Rischiamo la paralisi”.

C’è differenza secondo lei tra chi fa politica al nord o al sud?

“Legittimare una posizione del genere significherebbe soltanto certificare che il Paese non si è evoluto. La grandezza del Pd sta in questo, nell’aver livellato un Paese che presentava troppe contraddizioni. Se oggi il Paese è più unito è merito anche nostro. Sostenere il contrario vuol dire consegnare una visione anacronistica delle cose”.

Che per un partito moderno significa perseguire le piccole grandi utopie concrete dei suoi tempi…


card_nuova

Vedi anche

Altri articoli