“Ho incontrato i ragazzini morsi dai cani”. Eva Giovannini racconta l’ultradestra europea

Esteri

La giornalista presenta in questa intervista video il viaggio inchiesta in sei paesi europei per raccontare come l’avanzata dei partiti nazionalistici sia legata all’emergenza migranti, ma soprattutto alla crisi e alla recessione.

Per Eva Giovannini a Gyöngyöspata, villaggio rurale nell’est dell’Ungheria il tempo si è fermato. Nell’aprile del 2011 è stato teatro di una sorta di pogrom, ai danni della minoranza rom, ad opera della milizia paramilitare di Jobbik. Il partito populista che incalza da destra il partito populista di destra al governo, guidato da Viktor Orbán. Ecco il racconto dell’incontro con le vittime di quell’episodio e il viaggio, fatto di incontri, dati e interviste esclusive, in sei Stati dell’Unione, dalla Francia, alla Germania, il Regno Unito, la Grecia, l’Ungheria e, naturalmente, l’Italia.

Vedi anche

Altri articoli