«Contro la corruzione ora servono trasparenza e semplificazione»

Corruzione
Il presidente dell'Anticorruzione Raffaele Cantone durante il convegno Anac per la giornata nazionale di incontro dei responsabili della prevenzione della corruzione, Roma, 14 luglio 2015. ANSA/ANGELO CARCONI

Il n.1 dell’Anac Raffaele Cantone «soddisfatto» per la promozione dell’Onu. Ma restano lacune nella parte penale e serve un salto di qualità dei cittadini. «Più intercettazioni»

Per le Nazioni Unite l’Italia è “largamente in linea” con le disposizioni internazionali contro la corruzione. Presidente Cantone, è soddisfatto?

«Molto se si pensa che finora gli organismi internazionali ci hanno sempre visto con sfiducia e sospetto denunciando la nostra colpevole arretratezza sul punto. Vedere finalmente un rapporto positivo è un segnale nuovo e importante che il mio ufficio riscontra ogni giorno con le richieste delle ambasciate o di gruppi privati di avere informazioni e aggiornamenti su come investire o lavorare in Italia. Resta ancora molto da fare, ma siamo partiti».

Per leggere questo articolo, abbonati a l’Unità

Vedi anche

Altri articoli